08 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Maggio 2021 alle 06:58:41

Cronaca In evidenza News

«C’è tensione sociale»: Emiliano chiede di riaprire

foto di Michele Emiliano
Michele Emiliano

Come messo nero su bianco nella sua ordinanza dal ministro della Sani­tà, Roberto Speranza, la Puglia – e la Val­le d’Aosta – saranno in zona rossa sino al 30 aprile. “Nella settimana compresa tra il 9 e il 15 aprile 2021, le Regioni Puglia e Valle d’Aosta presentano un’incidenza settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100 mila abitanti” e quindi l’ordinanza del 2 aprile 2021 “è rinnovata fino al 30 aprile 2021, fatta sal­va una nuova classificazione”. Ma le chiusure dovute alla zona rossa che durano da cinque settimane in Puglia “stanno generando foco­lai di tensione sociale, alimentati dalle diffi­coltà economiche ormai insostenibili per gli operatori commerciali” scrivono il presiden­te della Regione Puglia, Michele Emilia­no, e l’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Delli Noci, in una lettera inviata proprio al ministro Roberto Speranza, come riporta l’Ansa. “Si temono – scrivono Emi­liano e Delli Noci – ripercussioni, ancor più significative, laddove i numeri di questa set­timana dovessero confermare, per la Regio­ne Puglia, le restrizioni in corso. Per queste ragioni vorremmo porre alla Sua attenzione, con l’urgenza del caso, il tema delle riapertu­re di talune attività economiche”. Emiliano e Delli Noci evidenziano che “gli operatori del settore commercio (ambulanti in particolare, ma anche gestori degli esercizi commerciali in sede fissa) hanno avviato forme di protesta in tutta la Regione e lamentano sostanziali di­sparità di trattamento rispetto ad altre attività commerciali consentite (generi alimentari, beni di prima necessità). A queste si aggiun­gono le attività relative ai servizi alla perso­na”. Quindi, anche alla luce “dell’esistenza di protocolli sanitari di prevenzione dei contagi applicabili alle attività commerciali, in sede fissa e su aree pubbliche, ed alle attività di servizio alla persona, per le riaperture in si­curezza, con la presente siamo a chiederLe di valutare la possibilità che anche gli altri eser­cizi commerciali (non solo alimentari e beni di prima necessità) possano riaprire, a far data dal 26 aprile 2021, nel rispetto dei protocolli di prevenzione e sicurezza”.

DIDATTICA A DISTANZA, VERSO LA PROROGA DELL’ORDINANZA

“Fino al 30 aprile vige l’ordinanza regiona­le che dispone la didattica digitale integrata consentendo alle famiglie se scegliere tra dad o lezioni in presenza. La nostra intenzione, in assenza di novità positive sul fronte contagi, è quella di prorogare l’ordinanza per i primi 15 giorni di maggio”. Lo ha annunciato il presi­dente della Regione Puglia, Michele Emiliano durante un incontro in videoconferenza con il gruppo Genitori pugliesi favorevoli alla Dad.

“Nessuno può obbligarvi a mandare i vostri figli a scuola in piena pandemia – ha aggiunto Emiliano -. Finché ci sarà la dichiarazione di emergenza sanitaria potrete chiedere indivi­dualmente la didattica a distanza anche nella eventualità che io non possa fare ordinanze. È un diritto costituzionale”. Di fatto, secondo il governatore, “abbassando il numero di perso­ne in classe, diminuisce il rischio contagi”. A scriverlo è il portale specializzato Orizzonte Scuola.

LA CAMPAGNA VACCINALE

Le dosi di vaccini anticovid somministrate in Puglia sono 1.029.652. Il dato è aggiorna­to alle ore 17.30 di ieri, martedì. “La Puglia è la prima regione italiana nella capacità di vaccinare rispetto alla quantità di dosi conse­gnate. È la regione che vaccina di più con il 92,9% di dosi somministrate rispetto a quelle consegnate” si dice dall’Ente. Le percentua­li di persone vaccinate per fasce di età (dati aggiornati alle ore 17.30 di ieri) sono: 1 dose over 80 anni Puglia al 82,3% (dato Italia: 81,4%). 2 dose over 80 anni Puglia al 49,6% (dato Italia: 41,1%). In Asl Taranto prosegue la campagna vaccinale per coorte di nascita e fragili, come da disposizioni, negli hub vacci­nali preposti.

Nel pomeriggio di lunedì 19 aprile sono stati somministrati le seguenti dosi di vaccino: 328 prime dosi a Grottaglie; 331 a Massafra (212 prime dosi, 119 seconde dosi); 290 a Marti­na Franca (274 prime dosi, 16 seconde dosi); 259 prime dosi al Plesso Moro di Taranto; 30 vaccini a San Giorgio Jonico, 60 a Pulsano e 60 a Grottaglie. Nella mattinata di ieri, in­vece, sono stati somministrati 336 vaccini al PalaRicciardi di Taranto (35 prime dosi e 301 seconde dosi); 246 a Martina Franca (210 pri­me dosi e 36 seconde dosi); 296 a Massafra (204 prime dosi e 92 seconde dosi); 286 pri­me dosi al centro vaccinale presso la Scuola

Volontari Aeronautica Militare e 65 seconde dosi presso la palestra Marugj di Manduria. Si è conclusa la procedura anche per 26 pa­zienti emodializzati che ieri hanno ricevuto la seconda dose, insieme a 16 operatori sanitari.

In totale in Asl Taranto risultano vaccinate 138mila utenti, di cui 101mila hanno ricevu­to la prima dose e 37mila la seconda. In una nota, il consigliere regionale Mauro Vizzi­no Presidente della III Commissione (Sa­nità) scrive che “dopo un momento contrad­distinto da difficoltà organizzative, la Puglia è balzata ai primi posti in Italia per dosi di vaccino iniettate. E’ un risultato importante che dovrebbe contribuire a cancellare l’o­dioso clima di polemiche presente ormai da tempo nella nostra regione. Dipartimento del­la Salute e Protezione Civile stanno profon­dendo il massimo sforzo, anche per rendere più radicale la presenza di centri vaccinali in ogni angolo della regione, in maniera tale da facilitare l’accesso anche alle persone più disagiate. Adesso resta da risolvere il proble­ma della fornitura di dosi di vaccino. Il pre­sidente Emiliano è in costante contatto con il commissario Figliuolo, anche per ottenere l’applicazione di un diverso criterio di distri­buzione del prodotto tra le regioni italiane. Il momento che stiamo vivendo, ovviamen­te, resta delicato ed è per questo che si rende necessario remare tutti nella stessa direzione per riprenderci le nostre vite quanto prima possibile. Nel frattempo, stiamo davvero fa­cendo di tutto perché si anticipino i tempi per il ritorno (almeno parziale) alla normalità. Va letta in questa ottica l’iniziativa del Presidente Emiliano e dell’Assessore Delli Noci di scri­vere al Ministro Speranza perché si autorizzi la riapertura delle attività commerciali a far data dal prossimo 26 aprile”. Di diverso teno­re l’intervento di Renato Perrini (FdI): “Sta accadendo sempre più spesso, andando avanti con la campagna vaccinale, che molti pazienti non riescano a rispettare la data dell’appunta­mento che viene loro assegnato in automatico dalla Regione Puglia, e che a differenza di al­tre Regioni d’Italia non può essere scelto (in Lazio ad esempio ogni residente può scegliere luogo e orario della somministrazione). Que­sto sistema impedisce a chi non può rispetta­re l’appuntamento che gli è stato assegnato di farsi il vaccino. Se in un primo momento era stato annunciato che si poteva disdire e ripre­notare solo tramite Farmacup, oggi persino questa possibilità è stata impedita. E se fino a domenica scorsa, 18 aprile, chi aveva perso il suo turno poteva recuperare mettendosi in fila alle vaccinazioni a sportello, adesso che ci si può vaccinare solo con prenotazione, non è più possibile. Siamo all’assurdo. Un esempio: una persona di 78 anni, che il giorno del suo appuntamento si è sentita poco bene e non si è presentata, ora resta senza vaccino. E non può più riprenotare. La cosa incredibile è che di questo il personale che è addetto ai centri vac­cinali non sa nulla. Così capita che se qualche anziano si presenta al centro mostrando la sua prenotazione saltata, il medico dica ‘si deve riprenotare’ non sapendo che poi il numero verde e i Farmacup impediscono di farlo.

Ancora una volta siamo di fronte a una catti­va gestione e cattivo coordinamento tra tutti gli attori dell’organizzazione sanitaria, che di fatto ostacolano la riuscita della campagna vaccinale che ha lo scopo di proteggere an­ziani e fragili dai decessi. Per tanto si chiede di ripristinare subito un sistema di recupero delle prenotazioni con la stessa priorità con cui erano stata assegnata”.

L’ATTACCO DI FORZA ITALIA

I parlamentari pugliesi di Forza Italia Mauro D’Attis, Dario Damiani, Elvira Sa­vino, Vincenza Labriola, Veronica Gian­none e Carmela Minuto parlano dell’emer­genza Covid in Puglia: “La situazione, ormai, è fuori controllo e a dimostrarlåo ci sono i dati, le inchieste giornalistiche e giudiziarie e la permanenza ancora in zona rossa, mentre quasi tutta l’Italia esce dal tunnel: abbiamo scritto al premier Draghi per richiedere un intervento deciso e determinato del governo su quanto sta accadendo in Puglia. I tamponi giornalieri effettuati sono pochissimi, impe­dendo ogni tracciamento del contagio, con una percentuale di positività oltre il doppio della media nazionale. Il risultato è che la diffusione del virus viaggia in maniera in­controllata. In tutto ciò, purtroppo, dobbiamo registrare l’inerzia del Ministro della Salute nel suo ruolo di controllo: lo stesso Speran­za, infatti, ripete pedissequamente le argo­mentazioni dell’assessore regionale Lopalco che sono state già oggetto di contestazione e smentita anche da parte delle maggiori sigle sindacali dei medici pugliesi. Ovviamente, da questa errata rappresentazione riportata al Ministro deriva il mancato intervento del go­verno. Ed è per questo che abbiamo scritto al premier”. “Dulcis in fundo” aggiungono i par­lamentari, “oggi scopriamo anche che il Pre­sidente pugliese se la prende con il governo per aver distribuito non equamente i vaccini tra le Regioni, penalizzando la Puglia… sen­za considerare che, tra l’altro, l’attuale distri­buzione è stata fatta dal precedente guidato da Conte! Nel frattempo, è accaduto di tutto: circa 7mila persone sono riuscite ad essere vaccinate senza averne diritto e senza che la Giunta regionale esercitasse quel doveroso controllo sulle procedure. Intanto, ogni gior­no in Puglia il numero dei decessi è elevatis­simo e le nostre terapie intensive sono quasi al collasso. Avevamo l’obbligo morale di conse­gnare al presidente del Consiglio un quadro di verità perché quanto sta accadendo in Puglia richiede un intervento urgente da parte sua: lo meritano i pugliesi che stanno pagando un prezzo salatissimo per l’inadeguatezza di chi sta gestendo (o dovrebbe gestire) l’emergenza pandemica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche