13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Il Tribunale di Lecce
Il Tribunale di Lecce

LECCE – Blitz “Petrol mafia”: la parola passa al Riesame. Si è discusso ieri, dinanzi ai giudici del Tribunale della Libertà del capoluogo salentino, il ricorso contro i provvedimenti restrittivi emessi a carico di Michele Cicala e Claudio Romano. Una lunga discussione che ha visto impegnati gli avvocati Salvatore Maggio e Armando Veneto per Michele Cicala e l’avvocato Andrea Maggio per Claudio Romano. Il pubblico ministero ha chiesto la conferma della misura cautelare. I giudici del Riesame decideranno nelle prossime ore.

Il filone investigativo che ha riguardato Taranto, ha, in particolare, fatto emergere l’esistenza di un gruppo che avrebbe reimpiegato risorse economiche in numerose attività commerciali, alcune delle quali direttamente riconducibili all’organizzazione anche attraverso una fitta rete di prestanome, che, si è caratterizzata per un uso della violenza e delle armi che venivano messe al servizio della strategia criminale volta ad acquisire il controllo di attività economiche e, in particolare, quella della distribuzione degli idrocarburi rivelatasi estremamente lucrosa. Nel corso delle indagini è emerso come, il gruppo, nel settore del contrabbando di idrocarburi saldava la propria attività con quella di gruppi criminali che operano da tempo negli stessi settori con imprese che già avevano un loro mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche