22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 07:26:25

Cronaca In evidenza News

Taranto in… crociera. Così la città prova a ripartire

foto di Arriva a Taranto la Msc Seaside - foto Francesco Manfuso
Arriva a Taranto la Msc Seaside - foto Francesco Manfuso

Appena qualche anno fa, all’attracco allora occasionale di una nave da crociera, i tarantini si scoprirono a fotografare i turisti scesi da bordo a visitare la città. Una immagine emblematica della scarsa abitudine a confrontarsi con flussi turistici di questo tipo. Ora si prova ad infrangere questa barriera di sorpresa e a plasmarla nella normalità.  Di tempo per prepararsi ce n’è.

Fino a novembre la Msc Seaside ogni mercoledì sarà al molo San Cataldo ad accompagnare migliaia di turisti provenienti dall’Italia e dall’estero. Mercoledì 5 maggio c’è stato il battesimo del fuoco: grande spiegamento di mezzi per accogliere al meglio questa novità assoluta per Taranto che, per la prima volta, viene organicamente inserita in un itinerario crocieristico. Non è cosa da poco, non solo perché la Seaside è l’ammiraglia della Msc e la più grande mai costruita in Italia (Fincantieri di Monfalcone, varo nel 2017), ma soprattutto perché è il tentativo di declinare l’economia in modalità diverse provando a guardare al futuro con più fiducia dopo i travagli, non ancora risolti, vissuti da almeno un decennio. Per celebrare il primo attracco a Taranto si è tenuta a bordo la tradizionale cerimonia del «Maiden Call».

A fare gli onori di casa Leonardo Massa, country manager di Msc, e il comandante della nave, Marco Massa. Cerimonia sobria, alla presenza delle massime autorità civili, e rigorose misure anti-Covid. Ospiti, fra gli altri, il prefetto Demetrio Martino, il sindaco Rinaldo Melucci, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Sergio Prete, il comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, colonnello Luca Steffensen. «Siamo orgogliosi – ha esordito Leonardo Massa – di portare a Taranto una delle nostre unità più innovative. Abbiamo scelto un itinerario nuovo e abbiamo voluto puntare su Taranto. Per noi è una scommessa nella quale crediamo fortemente, perché siamo consapevoli della ricchezza delle attattive del territorio. Vogliamo offrire a Taranto un palcoscenico internazionale e siamo sicuri che questa collaborazione porterà benefici alla nostra azienda e a tutto il territorio tarantino».

Un aspetto, quest’ultimo, al quale tiene molto il sindaco Melucci: «Taranto sta entrando nella modernità. Ci stiamo abituando a vivere grandi giornate e grandi eventi grazie anche a importanti legami internazionali che siamo riusciti a stabilire in questi anni. Dietro questi risultati ci sono infatti un grande lavoro e tanta programmazione. Oggi viviamo questo evento con particolare orgoglio ed emozione, stiamo offrendo alla città l’occasione per ripartire con una prospettiva di svilupppo alternativo per creare buona economia attraverso un modello sostenibile che recupera le nostre radici e la nostra identità. Per 28 secoli siamo stati una città di mare e oggi possiamo dire che la filiera del mare rappresenta il nostro futuro. Non resta che rimboccarci le maniche e metterci alle spalle certe ferite. Oggi ci presentiamo come città aperta al mondo, questi sono dei test che sono sicuro andranno bene e porteranno a Taranto 150 mila turisti con ricadute positive per la nostra economia». Concetti ribaditi dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Sergio Prete: «Abbiamo lavorato tanto, in questi anni, per far conoscere Taranto al mondo e ringraziamo Msc per aver scelto la nostra città. Per noi ospitare la nave ammiraglia è cosa molto importante. Bisogna guardare al futuro con fiducia: come dimostra l’evento di oggi, dalle criticità possono nascere comunque delle opportunità».

Anche l’assessore regionale allo sviluppo economico, Alessandro Delli Noci, ha voluto rimarcare la bontà dell’evento con una sua dichiarazione affidata ai social: «La città si è fatta trovare pronta. Si tratta di una grande occasione di sviluppo per l’intero territorio, un’occasione per far giungere qui migliaia di visitatori che potranno scoprire Taranto e la sua meravigliosa provincia. Un ringraziamento va al sindaco Melucci e alla sua squadra che ci hanno lavorato perché ciò accadesse. Taranto deve rinascere e può farlo partendo dallo sviluppo del settore turistico e culturale ». Con il sindaco c’era anche l’assessore Fabrizio Manzulli: «Questi eventi restituiscono a Taranto un ruolo importante di capitale europea che si pone davanti al mondo con obiettivi nuovi. Tutto ciò comporterà un cambiamento culturale nei cittadini e nelle imprese». E i crocieristi? Per loro un ricco pacchetto di escursioni tra Borgo, Città Vecchia, Museo e anche nei lidi della costa tarantina. In particolare tre lidi sono stati messi a disposizione esclusiva degli ospiti della Seaside che saranno accompagnati in spiaggia per poi tornare in nave a orari prestabiliti nel corso della giornata. «Gli ospiti – rende noto Msc – avranno la tranquillità di sapere che le misure di salute e sicurezza al lido saranno le stesse presenti a bordo della nave». E davvero numerosi sono stati i gruppi di crocieristi che si sono soffermati a visitare la città. Altre escursioni offerte a Lecce, Matera, Alberobello. La prima è andata bene. Ora tutto ciò diventi normalità.

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche