27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 13:59:00

foto di I giocatori inglesi si tolgono le medaglie
I giocatori inglesi si tolgono le medaglie

Genuflettersi prima della partita e poi compiere uno dei gesti più spregevoli che si siano mai visti in una competizione sportiva: quello di strapparsi di dosso la medaglia appena ricevuta.

Un gesto, il secondo, che toglie credibilità al primo. Perché se l’etica che ti accompagna è quella sprezzante del rigetto della medaglia, è difficile credere alla bontà della tua etica nei confronti di quel “respect” che porti stampigliato sulla maglietta. Saper accettare una sconfitta è un valore, in questo caso un valore sportivo enorme. Se questo valore ti manca, se per cultura non ti appartiene e disprezzi la vittoria degli avversari, allora significa che il concetto di “rispetto” non può appartenerti e non puoi essere un testimonial credibile di quella genuflessione.

Se questa cultura sprezzante è quella alla quale educhi i tuoi stessi tifosi, non c’è allora da stupirsi se poi il pubblico fischia l’inno nazionale degli avversarsi e poi scatena il proprio becero odio razziale verso i giocatori neri della propria stessa squadra. Sono facce, è il caso di dire, della stessa medaglia. La medaglia esprime un valore e se di questo valore ti spogli con rozza ostentazione – senza poi scusartene – hai un solo merito dalla tua parte: aver smascherato la cultura più autentica che ti appartiene. Ti sei liberato di ogni ipocrisia, anche quella della genuflessione.

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche