03 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 22:56:00

Libri

Iniziano a tornare gli eventi culturali e le presentazioni di libri

foto di Frédéric Dard - “Il montacarichi” - Rizzoli
Frédéric Dard - “Il montacarichi” - Rizzoli

Lacomunità riprende il suo cammino tornando ad una nuova normalità, aprendo le attività; così, lentamente, iniziano a tornare gli eventi culturali, le manifestazioni e le presentazioni di libri. E’ questo il ritorno alla vita che attendevamo. Perché, abbiamo detto i libri nutrono l’anima. Le storie ci hanno tenuto compagnia ma oggi abbiamo bisogno di relazioni, di trasformare quelle storie, quelle narrazioni in occasioni di confronto, di piccola mondanità, di quella frivolezza che l’attesa di conoscere e presentare una scrittrice o uno scrittore ti possono donare. Capita allora che riprenda quella positiva frenesia di contatti, di lavoro che ci porterà a godere di questa estate come di una bella finestra aperta, tra una partita di calcio in televisione e un bel libro da leggere. L’anno della promozione del Taranto porta un’euforia che va festeggiata anche nel mondo dei libri.

Con l’auspicio che i libri entrino, attraverso il calcio (che a Taranto è una cosa molto seria) dentro tante famiglie, che magari un libro in casa non l’hanno mai avuto. Una bella e necessaria abitudine per educare i nostri figli alla partita della vita di cui le regole sono il centro, ma la lealtà e la sportività del conseguire le vittorie e perché no anche le sconfitte siano il sale necessario per cresce.

Frédéric Dard – “Il montacarichi” – Rizzoli
All’interno di un cortile parigino adibito a legatoria, un montacarichi conduce all’appartamento di Madame Dravet. A qualche strada da lì, una sera di Natale dei primi anni Sessanta, Albert Herbin, appena uscito di prigione, è solo al tavolo di un rinomato ristorante della città. Qui i suoi occhi incontrano la signora Dravet, che siede insieme alla figlia. La donna è bellissima. In maniera del tutto imprevedibile e altrettanto efficace, l’uomo riesce ad accompagnare a casa la donna, che infine lo invita a prendere il montacarichi con lei per un ultimo bicchiere nel suo appartamento. È lì, al secondo piano di questo stabile per metà abitazione e per metà fabbrica, dove l’attrazione tra i due sembra essere destinata a concludersi sul comodo divano del salotto di Madame, che Albert si troverà avvinto a fatti concitati, legato al destino della signora Dravet, coinvolto in una conturbante vicenda.

Enrico Letta – “Anima e Cacciavite” – Solferino
Il manifesto “forte e chiaro” di un protagonista della politica al centro di una campagna di svolta. L’anima e il cacciavite vanno usati insieme per far rinascere la speranza nel nostro Paese. La prima richiama l’ispirazione dei nostri ideali, la seconda la concretezza dei progetti per un vero cambiamento dell’Italia. Una metafora che sintetizza efficacemente il manifesto e il programma del nuovo leader della sinistra, Enrico Letta: un programma di rottura col passato e di proposta coraggiosa per il rilancio di cui abbiamo bisogno oggi. Con la pandemia, la politica è tornata sempre più al centro. È più necessaria di prima, e deve avere uno sguardo lungo, non quello del giorno per giorno. Bisogna mettere il cuore in campo e saper utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per fare scelte precise che guardino al futuro. Le risorse all’Italia non mancano ma vanno sbloccate e incoraggiate facendo leva sul le riforme necessarie per un Italia moderna, che creda ai giovani, puntando su scuola, istruzione, ricerca e lavoro, voto ai sedicenni. Che creda nelle donne pro muovendo realmente parità e diritti a partire dal partito democratico. Che rilanci una norma di civiltà come lo ius soli. Che combatta con forza per l’ambiente e la sostenibilità del Pianeta che lasceremo alle nuove generazioni. Che riaffermi l’importanza di essere e sentirci europei e parte di un progetto più grande. Un programma e un appello che segna l’inizio di una nuova fase politica e di rinnovamento per il Paese che parte da questo libro.

Antonio Mandese
Libraio ed editore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche