15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 13:32:53

Attualità News

Il regalo giusto. Budget ridotto, ecco quanto spenderemo

foto di Regali di Natale
Regali di Natale

La pandemia impatta anche sui consumi degli italiani e sulle abitudini legate al Natale. La conferma arriva da una ricerca di Confimprese, commissionata a Innovation Team (Cerved), e recentemente rilanciata da Adnkronos, secondo cui l’attuale emergenza sanitaria porta a un drastico ridimensionamento dei budget di spesa destinati ai regali, con quasi 2 famiglie su 3, pari al 59,5%, che ridurranno il budget con un calo medio di 138 euro (-25%). Il 65% delle famiglie ha inoltre perso lo spirito natalizio che aveva negli anni precedenti.

Un fenomeno più marcato per le coppie con figli adulti, per i genitori soli con figli a carico e per gli abitanti delle metropoli. Per contro, solo il 9% si dice impaziente per l’arrivo delle feste, per poter vivere qualche momento di allegria e spensieratezza. Più euforiche della media le coppie giovani senza figli. Per 1 italiano su 4 le festività non hanno mai rappresentato un motivo di festa e non lo saranno nemmeno quest’anno: si tratta soprattutto di single o separati, a basso reddito familiare o dipendenti da sussidi pubblici, per lo più nella fascia di età 56-64 anni. Nel 2019 gli italiani hanno speso in media 450 euro, che toccano i 715 euro nelle metropoli e 708 euro tra le coppie senza figli. Mediamente più elevata la spesa anche tra le coppie con figli piccoli (542 euro), al Sud e isole (564 euro) e tra gli under 35 (562 euro). La riduzione della spesa sarà più elevata per le categorie sociali più fragili: vedovi, anziani, genitori soli, divorziati.

Per il 38%, invece, il budget destinato alle spese di Natale sarà lo stesso di un anno fa, mentre solo il 2,5% spenderà di più con un aumento medio di 240 euro. Le famiglie segnalano una situazione economica difficile e in continuo peggioramento: da settembre a oggi, la quota di coloro che hanno subito una riduzione significativa del reddito è aumentata di oltre 8,3 punti e riguarda il 67,2% delle famiglie. I più colpiti sono i lavoratori autonomi, i monogenitori, i redditi bassi. A farne le spese maggiori i residenti nelle metropoli, tutti colpiti dalla chiusura di attività considerate non essenziali. Il principale motivo di una maggiore attitudine al risparmio risiede proprio nelle difficoltà economiche a causa della crisi sanitaria secondo quanto dichiara il 42,2% delle persone. Il 26,7%, pur non essendo in particolare sofferenza, preferisce risparmiare in vista dei prossimi mesi. C’è, inoltre, un 20,7% che imputa al contesto di emergenza la mancanza di interesse a fare acquisti, mentre il 10,3% sconta la difficoltà di recarsi fisicamente nei negozi.

La riduzione delle spesa è in proporzione molto più elevata per chi aveva un budget più basso negli anni scorsi: la flessione ammonta al 67,7% per chi spendeva meno di 100 euro ed è solo del 14,8% per la fascia più benestante, che dedicava allo shopping natalizio più di 2 mila euro. L’e-commerce conquista sempre più italiani e a Natale gli acquisti online spingono sull’acceleratore. Quest’anno l’online verrà utilizzato come canale principale dalle famiglie in vista del Natale dal 61,4% che comprerà su Amazon, il 41,7% sui siti e-commerce dei singoli brand. Seguono, ad ampia distanza, i centri commerciali, i supermercati e i negozi di prossimità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche