24 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Settembre 2021 alle 21:49:00

Basket News Sport

CJ Taranto, coach Olive: «I ragazzi hanno risposto benissimo»

foto di CJ Taranto, coach Olive
CJ Taranto, coach Olive

“Importante vittoria sul parquet di una squadra costruita per fare un campionato ai vertici”. Coach Davide Olive commenta così il successo che ha bagnato l’esordio del CJ Basket Taranto nel campionato di serie B girone D2 Old Wild West sul campo della Frata Nardò. “Temevamo questa partita visto che non giocavamo da due mesi – continua il tecnico tarantino grande ex in terra granata – mentre loro avevano fatto tutte le partite di Supercoppa e poi anche la prima di campionato. In più avevamo un’assenza pesante, quella di Tato Bruno che ho preferito non rischiare visto che rientrava da un piccolo infortunio, ed essendo il campionato è lungo, per noi era la prima partita, non valeva la pena correre il rischio di perderlo per più tempo”.

Olive ripercorre così il tema tattico vincente dei suoi: “I ragazzi hanno risposto benissimo, hanno tenuto il piano gara, cercando di rovinare gli ingranaggi offensivi di Nardò che avevamo studiato, alternando le difese, il fatto di averli tenuti a 57 punti in casa loro è il segnale di una squadra che è venuta concentrata, coesa per fare il risultato, è il primo mattone di quella che speriamo sia una stagione ricca di soddisfazioni”. Complimenti quindi alla squadra, il coach evidenzia i meriti: “Contento della prestazione dei senior ma mi piace sottolineare il contributo dalla panchina dei giovani, degli under, come Pellecchia, un 2003 che entra in una gara così difficile con mentalità, è un ragazzo su cui possiamo contare”.

Messa in archivio la vittoria e i due punti in classifica il CJ Taranto è già con le testa e le gambe alla prossima partita, la prima al Palafiom, domenica alle 18, arriva la Pallacanestro Molfetta. E’ stata davvero una bella partita, quella con Nardò. Non poteva cominciare meglio il campionato che segna il ritorno del CJ Basket Taranto in serie B. Nelle seconda giornata del girone D2, esordio dopo il rinvio con Monopoli, gran blitz dei rossoblu che vanno a vincere sul parquet della Frata Nardò per 71-57 con una monumentale prestazione difensiva contro i granata recenti finalisti della Supercoppa. Nonostante i quasi due mesi di inattività dall’ultima partita e la presenza, solo per onor di firma, di Bruno, il CJ ha sfoderato una partita tutta grinta prendendo le misure a Nardò sin dai primi possessi per poi limitarla in attacco. Davanti ci hanno pensato capitan Stanic, Morici e un notevole Duranti tutti in doppia cifra, mortiferi dalla lunga distanza.

L’ex di turno coach Olive parte con Matrone, Duranti, Stanic, Morici e l’altro ex granata Azzaro. Coach Quarta risponde con l’ennesimo ex Enihe e poi Coviello, Durini, Dip e Fontana. Il piazzato di Dip è il primo cane stro della partita. Risposta pronta di Taranto, tripla di Stanic e poi canestro, più fallo subito e libero supplementare di Matrone per il 6-2. Dip e Coviello accorciano le distanze per la Frata ma Azzaro e una transizione perfetta di Stanic permettono al CJ di doppiare i salentini, 12-6 e time out per coach Quarta. La sospensione fa bene ai padroni di casa così come l’ingresso di Bjelic che comanda la rimonta e segna la tripla del sorpasso, 15-14. Coach Olive getta nella mischia Longobardi che arma la mano di Duranti che nel finale di quarto fissa il punteggio sul 15-16. Apertura di secondo quarto con il canestro da distanza siderale di Morici per il 21-17 rossoblu. Taranto però non riesce a dare continuità all’attacco, Nardò rimette il naso avanti con un break di Bjelic e Petrucci ma ci pensa ancora Morici con un’altra tripla a riportare in testa Taranto, 22- 24. Anche +8 dopo i canestri di Morici, Azzaro e Stanic mentre il giovane Pellecchia entra e con la mano bollente infila la tripla per il +11 ospite che costringe ancora una volta coach Quarta al time out sul 22-33.

Nardò si affida ancora a Bjelic, una tripla che scuote i granata che rientrano in partita accorciando le distanze ma il CJ va al riposo avanti 33-27. Morici risponde a Fontana nelle due azioni che aprono il terzo quarto. Longobardi ribadisce il +8 poi Matrone domina il pitturato e appoggia il +10 e Stanic fa +12 massimo vantaggio rossoblu, sul 31-43. Petrucci prova a svegliare i suoi con una tripla e ci riesce, immediata la reazione di Nardò che risale a -5 con un sottomano di Petrucci che costringe stavolta coach Olive al time out. Ma l’inerzia sembra davvero cambiata, Bjelic in equilibrio precario realizza la tripla del -2. Lo stesso capitano granata incappa subito dopo in un antisportivo che ridà ossigeno, ai liberi, a Taranto. Ma Nardò è in ritmo e in fiducia, Enihe va di tripla pure lui per il -1.

Duranti mette fine al momento difficile di Taranto su azione, la sua tripla vale il 44-48. Grande inizio di ultimo quarto per il CJ ma soprattutto di Bruno Duranti che prima infila un’altra tripla della sua grande partita e poi va a concludere in schiacciata il contropiede per il 53-44. Duranti è indiavolato, ruba un’altra palla e innesca un altro contropiede, stavolta chiuso da Stanic per il +11 dei tarantini. Che non si fermano stavolta, Morici centra la tripla del +14 anche se c’è la risposta di Enihe. Taranto non trova il colpo di grazia ma riesce a difendere forte costringendo Nardò a tiri sempre forzati e spesso sul ferro.

La premiata ditta Stanic e Duranti produce un altro “dai e vai” che va a segno e sa di titoli di coda sulla partita. Il punto esclamativo sulla prima vittoria del CJ Taranto lo mette Morici, il resto è amministrazione e gioia alla sirena che sancisce il 71-57. Messa in archivio la vittoria e i due punti in classifica il CJ Taranto è già con le testa e le gambe alla prossima partita, la prima al Palafiom, domenica alle 18, arriva la Pallacanestro Molfetta. La formazione tarantina punta ad essere una grande protagonista nel campionato che finalmente ha preso il via anche per la compagine rossoblù guidata da coach Davide Olive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche