25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Settembre 2021 alle 07:15:05

Cronaca News

«Cashback e lotteria, per aiutarci serve un sistema diverso»

foto di Fabio Paolillo
Fabio Paolillo

«L’iniziativa del cosiddetto cashback, ovvero la restituzione da parte dello Stato del 10% di quanto speso nei negozi fisici entro il mese di dicembre fino a un massimo di 150 euro (iniziativa che, poi, nel 2021 andrà a regime per tutto l’anno con un rimborso massimo di 300 euro) è sicuramente apprezzabile, perché è riservata solo agli acquisti fatti nei punti vendita sul territorio e non online, ma in questi primi giorni c’è troppa confusione e soprattutto le commissioni bancarie per l’acquisto con carte sono troppo alte. È necessario che prima di tutto si abbassino queste commissioni e poi che il sistema vada subito a regime, altrimenti tutto questo rischia di diventare un boomerang e, invece di sostenere gli esercenti, si finisca con il danneggiarli». Lo afferma Fabio Paolillo, segretario provinciale di Confartigianato.

«I nostri iscritti ci dicono che i problemi legati alla app dedicata, ad esempio, stanno creando caos e ritardi. Ritardi anche nella decisione ad acquistare tanto che fino all’8 dicembre di fatto tutto è rimasto quasi fermo e che anche ora, complici le incertezze e le difficoltà del sistema, complica le cose più che facilitarle. Ben vengano iniziative per rilanciare il commercio sul territorio, ma che siano pensate in modo opportuno. Pensiamo anche alla cosiddetta “lotteria degli scontrini”, più volte rimandata e che ora dovrebbe entrare in vigore dal prossimo primo gennaio. In pratica, i cittadini possono registrarsi su www.lotteriadegliscontrini.gov.it già da ora per ottenere il codice lotteria da presentare in cassa quando si effettua un pagamento.

Se per gli utenti è un’operazione semplicissima e senza oneri – sottolinea Paolillo – il discorso cambia per esercenti ed artigiani, i quali dovranno adeguare i propri registratori di cassa a svolgere la procedura necessaria ed eventualmente acquistare la pistola con il lettore del codice (consigliata per velocizzare l’operazione nel caso si emettano tanti scontrini, pensiamo soltanto a una tabaccheria, un bar o una gastronomia e pizzeria di asporto) oltre che dover ripetere questa procedura su ogni acquisto, quindi un ulteriore onere per le aziende già provate dalle recenti chiusure e restrizioni imposte dal Governo. Come Unicom, la categoria di riferimento del commercio di Confartigianato, la nostra intenzione è quella di chiedere un sistema differente».

«È necessario che siano gli utenti a inserire gli scontrini in una app pensata ad hoc perché altrimenti per gli esercenti diventa un lavoro insostenibile e finirebbe che una manovra che seppure apprezzabile nell’intento, produca effetti differenti. Tutto questo – conclude il segretario provinciale di Confartigianato Taranto – in un momento in cui le imprese sono già troppo provate dall’emergenza in atto e dai continui Dpcm che, tra chiusure alterne e colori che mutano continuamente, non aiutano a fare chiarezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche