15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 16:13:34

Cronaca News

Classifica del “Sole 24 Ore”, Taranto è 96esima

Una veduta aerea di Taranto
Una veduta aerea di Taranto

Novantaseiesimo posto per Taranto nella classifica annuale della Qualità della Vita. Nel dettaglio, la provincia ionica è 86esima nella categoria Ricchezza e Consumi, 96esima in Ambiente e Servizi, 47esima in Giustizia e Sicurezza, 103esima in Affari e Lavoro, 61esima in Demografia e Società, 80esima in Cultura e Tempo Libero. In un particolare segmento Taranto ha il primato: è la provincia in cui a causa del Covid l’assorbimento del settore residenziale ha avuto la variazione della stima minore in Italia dal 2019 al 2020 (-2,30); la seconda è Viterbo (-5,80).

L’anno scorso la provincia di Taranto occupava la 92esima posizione complessiva, quindi sono stati persi quattro posti. La prima provincia in Puglia è Bari, 72esima, poi Lecce 83esima, Brindisi 88esima. Quindi Taranto 96esima che precede Bat 97esima e Foggia 100esima. A livello nazionale la prima posizione quest’anno è occupata da Bologna, seguita da Bolzano, Trento, Verona, Trieste. Ultima è Crotone. Come si legge sull’edizione online del quotidiano di Confindustria “dall’ultima settimana di febbraio gli italiani sono stati investiti da un calvario di informazioni su contagi, decessi, affetti spezzati, relazioni sociali sospese, mobilità inceppata, attività economiche a rischio, posti di lavoro bruciati. Tra lockdown e quarantene come si misura la qualità della vita? La 31esima indagine del Sole 24 Ore sul benessere nei territori parte proprio da questo interrogativo. L’obiettivo dell’indagine – che analizza 90 indicatori, per la maggior parte (circa 60) aggiornati al 2020 in base agli ultimi dati disponibili – è raccontare come la pandemia da coronavirus ha impattato in modo differente sui territori.

Per misurare l’emergenza sanitaria in corso, innanzitutto, è stato inserito tra i parametri l’indice dei casi Covid rilevati ogni mille abitanti, l’unico indice che è stato pesato maggiormente (in pratica, se ogni parametro vale 1/90°, i punti di questa classifica valgono doppio sulla media totale) per testimoniare come la diffusione dei contagi ha esercitato una pressione differente sui sistemi sanitari, sulle vite e sulla quotidianità delle persone. Le aree tematiche di analisi, tuttavia, rimangono invariate: Ricchezza e consumi; Demografia e salute; Affari e lavoro; Ambiente e servizi; Giustizia e sicurezza; Cultura e tempo libero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche