22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Cronaca News

Rapina in un supermercato di Taranto, arrestato uno dei due malviventi. Il video

I Falchi della Questura
I Falchi della Questura

Rapida operazione dei Falchi della Squadra Mobile di Taranto, che nel giro di un poche ore hanno identificato ed arrestato uno dei due rapinatori che nel pomeriggio del 30 dicembre, con i volti coperti ed armati di taglierino, si erano impossessati di circa 700 euro in un supermercato di via Umbria a Taranto.

I poliziotti, arrivati negli istanti immediatamente successivi alla rapina, attraverso l’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza interno dell’esercizio commericale, hanno riconosciuto gli autori della rapina. Si trattava di due pregiudicati tarantini tenuti sotto controllo perché ritenuti responsabili di altri episodi analoghi avvenuti nel periodo natalizio sempre in danno di supermercati. Le immagini, suffragate anche dalle testimonianze delle vittime, che hanno raccontato un “modus operandi” similare, hanno dato maggiore fondatezza all’ipotesi investigativa. Le immediate ricerche effettuate soprattutto nei luoghi abitualmente frequentati dai due ricercati, hanno dato i loro frutti.

Uno dei due, il pregiudicato Chrisitan Maffei di 39 anni, ancora con gli stessi indumenti indossati durante la rapina, è stato intercettato in via Mazzini nei pressi del domicilio del suo complice. Il pregiudicato è stato condotto al secondo piano dello stabile presso la presumibile abitazione del suo complice perché trovato in possesso delle chiavi di casa. Nel corso della perquisizone personale, gli agenti hanno recuperato nelle tasche del suo giubbotto la somma di 375 euro in banconote di piccolo taglio, corrispondenti alla metà esatta dell’incasso sottratto poco prima al supermercato. All’interno dell’appartamento, nel corso della successiva perquisizione, sono stati poi recuperati una fascia elastica di colore nero utilizzata dal 39enne durante la rapina ed alcuni indumenti del tutto simili a quelli indossati dall’altro rapinatore, al momento ancora irreperibile.

Al termine dell’operazione l’uomo è stato arrestato in flagrazna di reato per rapina aggravata in concorso. Il complice ancora attivamente ricercato è stato denuciato in stato di libertà per il medesimo reato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche