27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 23:04:00

News Provincia di Taranto

Agrumi non raccolti, Cia scrive al Ministro

Arance lasciate a terra nel Tarantino - archivio
Arance lasciate a terra nel Tarantino - archivio

“In provincia di Taranto, decine di produttori hanno deciso di lasciare sulle piante centinaia di quintali di agrumi che non saranno raccolti. La situazione del comparto agrumicolo è peggiorata a causa di una serie di fattori sfavorevoli, primo tra tutti l’andamento metereologico”.

È con queste parole che inizia la lettera-appello inviata al ministro Teresa Bellanova e all’assessore regionale Donato Pentassuglia; la missiva è firmata da Pietro De Padova, presidente provinciale di Cia Due Mari (Taranto-Brindisi) e da Raffaele Carrabba, presidente regionale di Cia Agricoltori Italiani della Puglia. “I produttori, ormai, stanno lasciando sul campo centinaia e centinaia di quintali di agrumi che restano invenduti”.Nella lettera al ministro e all’assessore regionale all’Agricoltura, la Cia mette in evidenza come – oltre agli esborsi per la manodopera – differenti fattori abbiano determinato costi crescenti per le anticipazioni colturali, un incremento dei costi fissi e per i mutui. I prodotti, però, non hanno trovato sbocco sul mercato e restano sulle piante, invenduti e nemmeno raccolti. Uno scenario drammatico e desolante. Le immagini che arrivano dai campi sono sconcertanti. Cia Agricoltori ha pubblicato alcune foto emblematiche sulle proprie pagine social: immagini che mostrano interi raccolti rimasti sulle piante e nei camp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche