23 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Settembre 2021 alle 12:59:00

Cronaca News

Rubati i soldi per un bimbo malato

foto di Ruba la beneficenza per un bimbo malato
Ruba la beneficenza per un bimbo malato

Si è impossessato del salvadanaio per la raccolta di fondi in favore di un bimbo malato. L’uomo lo ha portato via da un bar in cui i clienti davano il loro contributo per le cure mediche del piccolo, un bimbo di 16 mesi, affetto da una grave patologia, la Sma (atrofia muscolare spinale). Ma il video di una telecamera, diventato virale sui social, ha permesso alla Polizia di identificare il presunto responsabile, un 65enne tarantino, già noto alle forze dell’ordine.

Il presunto responsabile è stato colto quasi con le mani nel sacco nel corso di una perquisizione effettuata all’intero della sua abitazione dagli agenti della Squadra Volante e dai Falchi della Mobile. I poliziotti hanno notato movimenti anomali in via Cavallotti, nei pressi del palazzo in cui l’uomo risiede. Sospettando la presenza di un’attività illecita, hanno deciso di effettuare un controllo nella sua abitazione. I poliziotti della Volante, raggiunti dai Falchi interessati alla ricerca del responsabile, si sono accorti dell’evidente somiglianza tra l’uomo sottoposto a controllo e l’autore del furto del salvadanaio immortalato dalle telecamere in un bar del centro. Le immagini, circolate e diventate quasi virali sui social network, hanno ripreso un individuo vicino al bancone che, dopo aver prelevato una bevanda d’asporto, ha approfittato della distrazione del barista per portare via il salvadanaio con i soldi destinati al bambino. I sospetti dei poliziotti si sono concretizzati nel corso del controllo nella camera da letto dove hanno rinvenuto una giacca blu ed un paio di scarpe nere con strisce laterali corrispondenti esattamente agli indumenti indossati dall’autore del furto immortalato nelle immagini.

L’uomo, messo alle strette, ha spontaneamente consegnato la somma di 50 euro che è stata sequestrata per essere restituita al titolare del bar il cui impegno a scopo benefico, grazie alla Polizia, non è stato vanificato. Il presunto ladro, già noto per precedenti per reati di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato denunciato in stato di libertà per furto e anche per detenzione di sostanze stupefacenti in quanto durante il controllo nell’appartamento, all’interno di un mobile della camera da letto, sono state rinvenute 8 boccette di metadone senza alcuna etichettatura, quindi di oscura provenienza, che sono state sequestrate. Il piccolo per il quale vengono raccolti i fondi per le cure, è affetto da una patologia rara e grave, l’atrofia muscolare spinale; una malattia neuromuscolare caratterizzata dalla progressiva morte dei motoneuroni, le cellule nervose del midollo spinale che impartiscono ai muscoli il comando di movimento. La Sma colpisce circa un neonato ogni diecimila e costituisce anche la più comune causa genetica di morte dei bambini anche se la ricerca scientifica ha messo a punto una terapia genica in grado di contrastare la malattia e di incidere sul decorso. Le raccolte di fondi per i piccoli pazienti contribuiscono anche alla ricerca di una terapia efficace e risolutiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche