27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 21:58:00

foto di Elio Brusamento percorre l’Italia a piedi
Elio Brusamento percorre l’Italia a piedi

Gira l’Italia a piedi per sostenere la ricerca sulla sclerosi tuberosa, tappa a Taranto per Elio Brusamento con l’assessore Gabriella Ficocelli. «…Caminante, no hay camino, se hace camino al andar. …Viandante non c’è un cammino la via si fa con l’andare…” Recitava il poeta e scrittore spagnolo Antonio Machado. Questi sono i versi che mi sono passati nella mente quando ho incrociato gli occhi di Elio Brusamento che a 68 anni ha deciso di girare a piedi la penisola per sensibilizzare la ricerca sulla sclerosi tuberosa (ST)», fa sapere l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Taranto, Gabriella Ficocelli. Brusamento ha spiegato che la ST è una malattia genetica rara, che provoca tumori benigni multipli in diversi organi, tra cui sistema nervoso centrale, cuore, reni, polmoni, occhi, cute.

E’ la principale causa genetica di epilessia e disabilità intellettive. Circa 1 su 6.000 neonati nasce con la ST e più di 1 milione di persone nel mondo ne sono affette. Dopo essersi imbattuto nel dolore di un suo amico affetto da questa malattia Brusamento ha deciso di promuovere questa campagna di sensibilizzazione presso le pubbliche amministrazioni. Il suo cammino ha fatto tappa a Taranto, accolto presso la parrocchia Santo Spirito dal parroco Don Martino Mastrovito e dall’Assessore ai Servizi Sociali, Gabriella Ficocelli che ha portato il saluto ed un presente. Benché siano stati fatti importanti progressi clinici e genetici, la ST è attualmente senza cura: si possono trattare alcuni sintomi, ma non si può prevedere l’evoluzione della malattia e delle sue manifestazioni. La speranza è affidata alla ricerca e l’Amministrazione Melucci intende proseguire il cammino accanto ad Elio Brusamento sostenendo la sua azione presso l’Associazione Sclerosi Tuberosa – APS che opera a livello nazionale finanzia la ricerca scientifica e realizza progetti a sostegno dei malati e delle loro famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche