14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 08:30:25

foto di La Prisma Taranto Volley
La Prisma Taranto Volley

Seconda vittoria consecutiva per la Prisma Taranto che, dopo il successo ottenuto nel recupero con Mondovì, si aggiudica il match del PalaMazzola contro la Pool Libertas Cantù per 3-0 (25-17, 25-15, 25-18), consolidando il secondo posto in classifica. Sestetto tipo per coach Di Pinto: Coscione in regia, Padura Diaz opposto, Gironi-Fiore schiacciatori, Di MartinoAlletti centrali e Goi libero. Battocchio risponde con Viiber in palleggio, Motzo opposto, Bertoli-Mariano schiacciatori, Monguzzi e Mazza centrali con Butti libero. Parte bene la squadra tarantina: Padura Diaz ed Alletti entrano subito in partita, Taranto fugge sull’8-3 e Battocchio chiama timeout.

Motzo fatica, il tecnico canturino lo richiama in panca inserendo Galliani per dare maggior lucidità agli attacchi ma i rossoblù riescono a gestire e ad incrementare il vantaggio, grazie anche ai punti realizzati da Gironi. La Prisma allunga fino al 20-13, Cantù prova a reagire ma gli ionici portano a casa il primo set (25-17). Avvio super per Taranto anche nel secondo parziale: 6-1 con ben tre ace consecutivi di Padura Diaz obbligano il tecnico dei lombardi al timeout. Cantù prova a rispondere con l’ace di Motzo ma la squadra di Vincenzo Di Pinto dimostra di essere in palla: gli ionici sono cinici, capitan Coscione è bravo a smistare i vari attacchi verso gli attaccanti rossoblù che, senza troppe difficoltà, riescono a mettere a segno. La Prisma vola sul 23-13 e, con un primo tempo di Alletti, chiude i giochi del secondo tempo (25-15).

Il terzo set si apre nel segno di Gironi: è lo schiacciatore classe 2000 a trascinare la squadra ionica con 4 punti nei primi 8 messi a referto dalla Prisma. Cantù, però, prova a mettere in campo un po’ di cattiveria, nel tentativo di riaprire i giochi: a metà set è 11-11. Taranto ricomincia a carburare con Fiore e Gironi. La partita è sotto il controllo di Padura Diaz e compagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche