20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Attualità News

Le origini dei nomi delle strade di Taranto: via Cesare Battisti


Delibera n. 1332 del 1932 – Commissario Prefettizio Giovanni Ortolani. Tra Piazza Ramellini e via per San Giorgio Jonico. Circoscrizione Città Vecchia Borgo-Tre Carrare-Solito

Il toponimo Via Cesare Battisti ricade per un tratto nella Circoscrizione Città Vecchia Borgo per un altro nella Circoscrizione Tre Carrare-Solito. Cesare Battisti è un patriota italiano, giornalista, politico socialista e irredentista, studioso di geografia. Fu direttore di diversi giornali nella Trento asburgica e fu deputato al Parlamento di Vienna. Allo scoppio della Grande Guerra combatté per la parte italiana disertando la chiamata alle armi dell’esercito austro-ungarico. Catturato dagli austriaci fu processato e impiccato per tradimento. Insieme a Guglielmo Oberdan, Fabio Filzi e Nazario Sauro è considerato tra le più importanti figure della causa dell’irredentismo italiano ed eroe nazionale. VIA CESARE BATTISTI La nostra rubrica sulle origini dei nomi delle vie della città.

Ecco a chi sono intitolate Gli è stata conferita la medaglia d’oro al Valor Militare. Era nato a Trento il 4 febbraio del 1875 quando la città era ancora parte dell’Impero austroungarico. Il padre Cesare era un commerciante, la madre Maria Teresa Fogolari, apparteneva ad LE VIE DELLA CITTÀ Martedì 19 Gennaio 2021 auna nobile famiglia. Dopo aver intrapreso gli studi classici si laureò prima in lettere nel 1898 e poi in geografia. Desiderando combattere per la causa trentina per farla valere dall’interno dell’impero asburgico nel 1911 si fece eleggere deputato al Reichsrat, il Parlamento di Vienna. Nel 1914 entrò anche nella Dieta di Innsbruck. Sposò Ernesta Bittanti ed ebbe tre figli. Il 17 agosto 1914, appena due settimane dopo lo scoppio della guerra austro-serba, abbandonò il territorio austriaco e riparò in Italia. Diventò subito un propagandista attivo per l’intervento italiano contro l’Impero austro-ungarico tenendo comizi nelle maggiori città italiane e pubblicando articoli interventisti su giornali e riviste. Arruolatosi nell’esercito italiano combatté nella prima guerra mondiale.

Nel corso di una delle innumerevoli operazioni di guerra Battisti insieme a Fabio Filzi venne catturato dagli austriaci e incarcerato a Trento. La mattina dell’11 luglio venne trasportato attraverso la città a bordo di un carretto, in catene e circondato da soldati. Durante il percorso, su istigazione della polizia austriaca, numerosi gruppi di cittadini e milizie lo fecero bersaglio di insulti, sputi e frasi infamanti. La mattina seguente, il 12 luglio 1916, fu condotto insieme a Fabio Filzi al Castello del Buonconsiglio di Trento, al tempo adibito a caserma delle truppe austro-ungariche, e impiccato. L’esecuzione avvenne nel cortile interno del castello di Trieste, all’epoca austroungarica.

Historicus

2 Commenti
  1. Vincenzo Santoro 3 mesi ago
    Reply

    Tutta Via Cesare Battisti rientra attualmente nella Circoscrizione Tre Carrare-Solito

  2. Vincenzo Santoro 3 mesi ago
    Reply

    L’anno della delibera dovrebbe essere il 1931.
    Nella delibera mi pare che viene riportata Vico Battisti (Rione Tre Carrare) e non Via Cesare Battisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche