22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 16:13:38

Cronaca News

Esplosione a Porta Napoli, si segue la pista dell’attentato


Pochi dubbi sull’origine dolosa dell’esplosione che, lunedì sera, ha distrutto il Kikò Bar e un attiguo impianto di autolavaggio, nel rione Porta Napoli. Che si sia trattato di un attentato lo ha fatto intendere il comandante provinciale del Vigili del Fuoco, Pierpaolo Patrizietti, in una dichiarazione rilasciata all’Agi. Il comandante Patrizietti ha indicato il cratere che si è aperto nel luogo un cui sarebbe stato collocato l’ordigno.

La potente deflagrazione ha anche provocato danni ad alcune abitazioni vicine. Nessuna persona ferita, per fortuna. La pista dell’attentato dinamitardo viene seguita dai poliziotti della Squadra Mobile che lunedì sera nel rione Porta Napoli sono intervenuti insieme ai loro colleghi della Squadra Volante, del Nucleo artificieri e della Scientifica. Intanto ieri mattina il sindaco Rinaldo Melucci si è recato nel luogo in cui è avvenuta l’esplosione che ha distrutto il bar e l’autolavaggio, nei pressi di piazzale Democrate. “Ancora non sono note – ha commentato il primo cittadino – le cause di questa spaventosa esplosione che è avvenuta in un orario che vedeva ancora la gente in giro e in un luogo frequentato. Ho sentito i gestori del bar e ho portato loro la solidarietà dell’amministrazione.

Faremo quanto possibile per aiutare queste famiglie”. Come si diceva fortunatamente, la defagrazione non ha causato danni alle persone. Inoltre le strutture vicine hanno subìto danni più lievi in quanto le vetrate del chiosco sono state rinvenute a qualche decina di metri. L’esplosione, avvenuta lunedì intorno alle 21, è stata caratterizzata da un forte boato ed ha destato molto allarme tra i residenti della zona, in piazzale Democrate . Impressionante la scena che si è presentata gli occhi dei vigili del fuoco e degli agenti della Questura: calcinacci, vetri, infissi e detriti disseminati dappertutto. La deflagrazione, che è stato avvertita nel Borgo e nella Città vecchia, fino al quartiere Tamburi, poteva avere conseguenze ben peggiori. Solo il caso ha evitato danni alle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche