23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 17:54:14

Cronaca News

Taranto, assegnate le prime case a 1 euro


Francesca Viggiano

“Case a 1 euro”, assegnati i primi immobili. Pronto il secondo bando. Con la pubblicazione del provvedimento di aggiudicazione del bando pubblicato nei mesi scorsi, si è conclusa la prima fase del progetto “Case a 1 euro”.

L’iniziativa dell’amministrazione comunale, che ha suscitato l’interesse di investitori provenienti da ogni parte del mondo per la Città Vecchia, è però destinata a non esaurirsi. Gli uffici dell’assessorato al Patrimonio, infatti, sono già pronti con il nuovo bando, per il quale è prevista la vendita al prezzo simbolico di 1 euro di 25 unità immobiliari, raggruppate in 10 lotti. «Il progetto “Case a 1 euro” – ha spiegato l’assessore al Patrimonio Francesca Viggiano – ci sta permettendo di riqualificare alcune porzioni del quartiere, con un processo di rigenerazione che coinvolge direttamente gli investitori. I vincoli che abbiamo posto nel bando, infatti, legano gli acquirenti all’immobile e alla sua destinazione abitativa: nel medio periodo, il nostro intento è ripopolare quelle porzioni dell’Isola Madre oggi abbandonate». L’atto di indirizzo è stato approvato dalla Giunta comunale lo scorso 14 agosto.

 dav

Il programma rientra tra le misure ideate all’interno di Ecosistema Taranto, la strategia di transizione ecologica, economica ed energetica di Taranto resilient city, ideata dal sindaco Melucci, e che eleva le culture dell’abitare a pilastro dell’intero sistema. «Abbiamo predisposto un testo standard da inviare via mail a tutti coloro i quali, dagli Stati Uniti alla Russia, passando attraverso l’Europa, la Cina ed addirittura l’Australia, avevano manifestato il proprio interesse ad investire sulla nostra città vecchia ed il suo patrimonio inestimabile, fatto di cultura, storia e tradizione – ha dichiarato Viggiano a margine del via libera della Giunta – Le case a 1 euro, vista anche la pioggia di milioni che arriveranno in città vecchia per ridisegnarne il destino e per farla, finalmente, divenire la perla del Mediterraneo, si concilia con tutti i nuovi cantieri previsti ed in avvio e ci consentirà di seminare davvero la rinascita nel cuore dell’isola, per strapparla agli anni di degrado ed abbandono, seguiti ai crolli degli anni ‘70».

«Ripartiamo dal cuore della nostra città – le parole del sindaco Melucci dopo il via libera dell’Esecutivo da lui guidato – certi che questa misura possa costituire, insieme a tutti gli altri programmi di valorizzazione dell’isola, la miccia per il nuovo sviluppo di Taranto, fuori dalle logiche obsolete che ci hanno sino ad ora costretti a volare basso e ad accontentarci. Ma sono ormai finiti quei tempi. Taranto vuole rinascere e può finalmente farlo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche