12 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Aprile 2021 alle 16:52:04

News Provincia

Ginosa, «Superbonus 110% Rilancio dell’edilizia»

Il Palazzo di Città di Ginosa
Il Palazzo di Città di Ginosa

GINOSA – “Superbonus 110%, pieno sostegno dagli uffici comunali per una opportunità irripetibile di investimento”. Così il sindaco Vito Parisi. “Favorire gli interventi di efficientamento energetico e antisismici, nonché l’installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici: è il fine del Superbonus 110%, strumento attivato per rilanciare rapidamente il comparto dell’edilizia e rispondere alle importanti sfide climatiche e ambientali previste per il settore civile dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima- dice il primo cittadino- il Superbonus, agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che incentiva gli interventi di riqualificazione energetica e sismica di edifici residenziali, prevede un’aliquota di detrazione del 110% per le spese sostenute entro il 30 giugno 2022 (ovvero entro il 31 dicembre 2022 e 30 giugno 2023 per specifiche casistiche) da dividere in 5 anni, nel limite massimo di predefiniti valori di detrazione variabili in funzione della grandezza dell’edificio e della tipologia di intervento.

Per gestire le pratiche e poter offrire un servizio maggiore a coloro che vorranno beneficiare del bonus, l’Amministrazione Comunale ha pensato di rafforzare il personale dell’Ente attraverso l’implementazione di ben due unità. Tempestivamente, con Delibera n. 8 del 28 gennaio 2021, la Giunta Comunale ha dato atto di indirizzo per la richiesta di contributo statale, ex art. 1 comma 70 della l. n. 178/2020, per l’assunzione di due istruttori tecnici. È arrivato il momento di investire. Siamo dinanzi a una forte leva per l’edilizia e a una grande opportunità per chi in questo momento vuole ristrutturare un immobile – prosegue il sindaco Vito Parisi – questa misura rappresenta un’occasione in più di investimento per chi, magari, vuole rilevare immobili nel centro storico, su cui l’Amministrazione sta puntando attraverso la riqualificazione delle strutture e degli spazi pubblici identitari. Il processo di valorizzazione del centro storico è già in atto ed eventuali interventi di questo tipo da parte dei privati, non possono che agevolarlo. Attrarre interesse e persone è fondamentale.

In quest’ottica, il Superbonus 110 funge da sprone, ma non dimentichiamo che anche per gli interventi ordinari di ristrutturazione nel Centro Storico perdura l’esenzione da oneri di urbanizzazione e costo di costruzione. È bene ribadire l’esistenza del bonus facciate e sisma bonus, ideale per il centro storico. L’invito che voglio rivolgere è a informarsi presso il proprio professionista di fiducia o persone competenti per conoscere le opportunità offerte dal bonus, attuando preventivamente la fase del monitoraggio e la eventuale sanatoria delle difformità, propedeutica all’ottenimento dei vantaggi fiscali”. Commenta l’assessore alla Gestione e Valorizzazione Risorse Umane e Sviluppo Economico Locale Domenico Gigante: “Le pubbliche amministrazioni hanno il dovere di attrezzarsi per rispondere al crescente carico di lavoro legato alle pratiche per i nuovi incentivi fiscali il processo di rafforzamento dell’organizzazione prosegue senza sosta e viene incontro ai cittadini, ma anche e soprattutto ai professionisti e alle imprese coinvolte nella grande operazione Bonus Edilizi. Abbiamo raccolto il suggerimento da parte di alcuni tecnici locali e le istanze di numerosi cittadini. Mi aspetto una grande risposta da parte del settore e invito a consultare in primis i professionisti e le imprese del territorio, che sono attrezzate in un’ottica di “win to win’’, ossia “io vinco, tu vinci’’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche