16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca News

Arpa, il nuovo sito “apre” le porte alla collettività


TARANTO – Il nuovo sito internet di Arpa Puglia https://www.arpa.puglia.it è stato presentato ieri in una conferenza stampa, svoltasi in videoconferenza, alla quale hanno preso parte il presidente della Regione Michele Emiliano, l’assessore regionale all’Ambiente, Anna Grazia Maraschio, il direttore generale di Arpa Puglia, Vito Bruno e l’ambasciatore della Puglia nel mondo, Lino Banfi.

Il nuovo portale è interattivo e permette un facile accesso alle informazioni ambientali. Il sito ha una veste grafica innovativa e punta su una facile navigazione: “E’ ricco di dati e di informazioni meglio organizzate – spiega Vito Bruno – ed è studiato per essere molto accessibile e fruibile. Una novità rispetto al vecchio portale è la sistematizzazione di tutta la reportistica, accessibile da un’unica sezione organizzata per temi. Inoltre garantisce un adeguato livello di interattività, con l’obiettivo di favorire la più ampia partecipazione di studenti, ricercatori, semplici cittadini alle attività dell’Agenzia. Vogliamo aprire sempre di più le porte dell’Arpa Puglia alla collettività, sia per aumentare il livello di consapevolezza sui temi dell’ambiente, sia per favorire la partecipazione attiva dei cittadini”. “L’occhio dei cittadini -ha sottolineato Emiliano- è molto importante su tutto ciò che impatta sul paesaggio, sull’aria, sull’acqua, è utile che siano ben informati sulle leggi vigenti e su come si può progettare senza distruggere le cose stupende che abbiamo ricevuto”. Emiliano, come riferiamo a parte, è intervenuto anche sul tema del Siderurgico.

“La passione per la Puglia – ha detto l’assessore Maraschio – ci accomuna e noi proviamo con ogni strumento a tutelarla e valorizzarla. Un lavoro fondamentale è quello che viene fatto per la tutela dell’ambiente, del paesaggio e della natura. Come assessore sono parte promotrice di questa azione, ma ho bisogno di strumenti e l’Arpa è uno strumento straordinario nello svolgere controllo ambientale, monitoraggio, analisi dell’impatto, verifica delle norme. L’Arpa ha un ruolo centrale anche nella informazione e nella formazione sulle tematiche ambientali. Il sito rappresenta un ulteriore passo nel percorso di sensibilizzazione dei cittadini pugliesi e di condivisione delle conoscenze scientifiche e tecniche che man mano si arricchiscono e crescono. Il nuovo portale è quindi un momento assai significativo perché utile e funzionale a perseguire questi obiettivi”.

Una sezione del sito è dedicata all’Amministrazione Trasparente, mediante l’utilizzo della piattaforma resa disponibile per le Pa da AgID nel catalogo di Developers Italia. La homepage è strutturata in maniera da rendere immediatamente accessibili le informazioni, con in primo piano le news e i comunicati, e una suddivisione in tre sezioni: Temi Ambientali, da cui è possibile accedere con un click alle pagine dedicate alle matrici e temi ambientali come Aria, Acqua, Campi elettromagnetici, Ambiente e salute, Rifiuti, Alimenti, Radon. Monitoraggi e controlli ambientali, dove consultare, ed eventualmente scaricare, report e dati aggiornati anche in formato web gis su temi come la balneazione (con mappa interattiva e relativo bollettino), l’alga tossica, la qualità dell’aria (con dati in tempo reale), i campi elettromagnetici (catasto delle sorgenti e dati di monitoraggio).

Servizi, dove è possibile accedere a sezioni come Formazione, Biblioteca, Verifiche impiantistiche, Emergenza Covid-19, nonché al Portale segnalazione eventi odorigeni. “Il portale per la segnalazione di eventi odorigeni – spiega Vito Bruno – unico in Italia, è disciplinato dalla Legge Regionale 32 del 2018. Tramite la compilazione di un apposito form con le informazioni sull’evento odorigeno (descrizione e intensità), il sistema localizza la segnalazione in tempo reale. A fronte delle indicazioni, poi, la nostra Agenzia può attivare tavoli tecnici presso le Amministrazioni locali interessate, mettendo a disposizione il proprio “Laboratorio olfattometrico”, uno dei tre laboratori pubblici di questo tipo attualmente esistenti in Italia”. Tutti i contenuti del vecchio portale sono disponibili cliccando su “Portale storico” in homepage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche