21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Calcio News Sport

Stavolta il Taranto delude. Solo 0-0 con il Fasano


Delusione Taranto. Stavolta i rossoblù sono apparsi poco convincenti nel match giocato ieri, mercoledì, valido per il recupero della decima giornata di campionato di serie D, girone H. Solo 0-0 contro il Fasano, compagine che non si può definire una corazzata, che dal 36’ è stata costretta in dieci per l’espulsione di Amoruso. All’84’ il rosso a Diaz ha ristabilito la parità numerica. L’undici tarantino: Ciezkowski; Shehu, Guastamacchia, Gonzalez, Ferrara; Marsili, Diaby (42’ Matute), Guaita (60’ Falcone), Acquadro (51’ Diaz), Santarpia (60’ Mastromonaco) Abayian (76’ Tissone). Il Fasano: Suma; Camara, T. Lopez, Urquiza; Melillo (52’ G. Lopez, 90’+2’ Trovè), Bernardini, Urruty (76’ Narese), Amoruso, Dorval; Losavio (60’ Dellino), Difino (63’ Nellar). Laterza ha cambiato 8 calciatori su 11 ma stavolta la squadra non ha risposto come ci si aspettava, e domenica c’è l’ostacolo Lavello.

Il Fasano ha tenuto il campo, gli ionici non sono mai stati davvero pericolosi. Prima della partita, il tecnico tarantino Laterza – otto anni a Fasano – era stato profetico: «Guardando la classifica qualcuno può pensare a una gara scontata, ma non lo è. Odio affrontare le ultime della classe perché se approcci in maniera superficiale rischi di non portare a casa il risultato. Voglio il massimo della concentrazione perché il Fasano non è la squadra di qualche settimana fa, si è rinforzato e vive un buon momento». Negli altri recuperi, Bitonto-Puteolana 0-1, Picerno-Sorrento 2-2, pareggio dei campani all’88esimo minuto.

LA SERIE D E I GIOVANI
La lunga attesa per poter tornare in campo e riabbracciare i compagni di squadra. E’ così, da quasi un anno, che i giovani calciatori stanno vivendo sulla propria pelle l’evolversi dell’emergenza sanitaria globale, una sosta forzata che di fatto sta penalizzando, più di ogni altra, le nuove generazioni e i loro sogni. I cinquanta secondi di “Waiting increases the pleasure”, il potente video emozionale prodotto da Lega Nazionale Dilettanti e Nike-GTZ Distribution, interpretano con un pizzico di ironia il forte disagio di migliaia di ragazzi che aspettano solo il momento di riabbracciare quel pallone simbolo di gioia, divertimento e amicizia. Ecco dunque come i numeri spettacolari di calcio freestyle nella clip diventano metafora di libertà, mentre gli sguardi meravigliati dei giovani protagonisti che assistono alla scena non sono dovuti alle straordinarie evoluzioni del performer, ma all’attesa di riprendersi quella palla che manca da troppo tempo. “Viviamo con enorme dispiacere la frustrazione dei ragazzi in un momento così complicato, chi ha giocato sa cosa significhi stare così a lungo lontano dal campo e dagli amici – commenta il Presidente Lnd Cosimo Sibilia –

Tra mille difficoltà siamo riusciti a garantire la prosecuzione dei campionati nazionali e ora siamo al lavoro per creare le condizioni per una ripresa anche dell’attività su base regionale. Abbiamo iniziato a ragionare sul vertice nella consapevolezza che lo sport ha bisogno dell’entusiasmo dei giovani e che sarà necessario fare tutto il possibile per riportarli al più presto sul terreno di gioco”. “Questo spot vuole essere un incoraggiamento a tutti i ragazzi che oggi sono costretti a non praticare questo meraviglioso sport che è il calcio – spiega l’ad di GTZ DistributionRiccardo Trolese – Stiamo giocando una partita difficilissima, ma sono sicuro che tutti insieme sapremo vincerla”. Il videoclip prodotto dal regista Onofrio Brancaccio è stato girato al BLQ Skatepark di Bologna insieme al freestyler Giorgio Luppi e ai giovani calciatori e calciatrici del Bologna FC e Assist Football Club. GTZ Distribution è per il secondo anno consecutivo partner ufficiale della Lnd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche