15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 16:13:34

foto di Il Palazzo di Città di Manduria
Il Palazzo di Città di Manduria

MANDURIA – Educare in Comune si può. Lo dice lo stesso Comune di Manduria che, in linea con il suo piano di azioni e programmi, ha fatto proprio la partecipazione al bando messo in cantiere dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della passata Presidenza del Consiglio. In particolare, precisa il Responsabile dell’Area 5 – Politiche Sociali Ricreative e Culturali del Municipio della cittadina di Manduria , Raffaele Salamino, si fà riferimento all’area tematica B “Relazione ed Inclusione” del bando, coinvolgendo le realtà anche private presenti sul territorio messapico. I quindici milioni di euro messi al bando, saranno utilizzati per promuovere l’attuazione di interventi progettuali, anche sperimentali, di contrasto alla povertà educativa e di sostegno delle opportunità culturali, formative ed educative dei minori. Saranno sostanzialmente promossi modelli e servizi di welfare di comunità, consolidando le esperienze già presenti nel locale territorio in modo da sostenere il lavoro dei Comuni italiani.

A tal proposito le proposte progettuali dovranno valorizzare soprattutto lo sviluppo delle potenzialità fisiche, cognitive, emotive e sociali dei bambini e degli adolescenti e prevedere anche interventi e azioni in linea con gli obiettivi della Child Guarantee. All’istanza di partecipazione i sodalizzi pubblici e privati interessati dovranno essere in possesso di una comprovata esperienza di almeno 3 anni nell’area oggetto del bando. Insieme a questo specifico requisito, andrà allegata alla domanda la proposta progettuale predisposta secondo l’allegato modulo C dell’avviso pubblico (che preveda interventi nella area tematica oggetto del bando “Relazione e inclusione”); il nominativo del legale rappresentante del soggetto proponente e l’idoneità dei suoi poteri alla sottoscrizione della documentazione richiesta dal presente Avviso.

Più corposa l’ulteriore documentazione richiesta invece per i soggetti privati, per i quali è necessario accludere alla domanda di partecipazione: copia dello statuto e dell’atto costitutivo (o di altro atto concernente le finalità proprie dell’ente richiedente da cui si evincano le caratteristiche richieste all’art. 2 del bando); apposita relazione sulle attività svolte negli ultimi tre anni, da cui si evinca l’esperienza nell’area tematica per la quale si concorre; dichiarazione sottoscritta digitalmente resa ai sensi e per gli effetti di cui al Decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 attestante:1) l’assenza delle cause di incompatibilità a contrarre con la pubblica amministrazione e precisamente che il soggetto proponente non si trovi in alcuna delle situazioni di esclusione della partecipazione al presente procedimento di cui all’ art. 80, del decreto legislativo del 18 aprile 2016 n. 50; 2) la regolarità con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a favore dei lavoratori; 3) la regolarità con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte, dirette ed indirette e delle tasse. La candidatura di tutti questi sodalizzi sia pubblici che privati dovrà essere inviata entro e non oltre il 21 febbraio 2021 entro le ore 22 esclusivamente a mezzo PEC da inviarsi al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo.manduria@pec. rupar.puglia.it. Ulteriori informazioni, come documentazione, modulistica, ecc., possono essere consultati e scaricati al seguente indirizzo web: http://famiglia.governo.it/it/politichee-attivita/finanziamenti-avvisi-e-bandi/ avvisi-e-bandi/avviso-pubblico-educarein-comune/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche