23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

foto di CJ Taranto
CJ Taranto

“Eravamo convinti dei nostri mezzi e lo rimaniamo”. Il CJ Basket Taranto riparte da queste parole dell’assistant coach Claudio Carone tornando in palestra per preparare il match di domenica prossima, al Palafiom contro Bisceglie che chiuderà la prima fase del campionato di serie B prima della breve sosta e della seconda fase.

Niente drammi in casa rossoblu dopo la prima sconfitta stagionale che ha messo fine ad una striscia vincente record di 12 vittorie consecutive da inizio regular season. Lucida e dettagliata l’analisi del tecnico tarantino del ko in casa della Viola: “Quando ci sono delle sconfitte ci sono diversi aspetti da considerare e fattori che concorrono al ko. Innanzitutto l’atteggiamento e l’impatto con la partita che con la Viola non c’è stato come nelle altre gare. Reggio Calabria ha i suoi meriti: hanno aiutato spesso su Matrone, abbiamo subito i contatti, abbiamo attaccato male i loro cambi in difesa. Non si può pensare di vincere in trasferta tirando 2/19 da tre. È altrettanto vero che avevamo preparato delle soluzioni nel piano partita che per un verso o per l’altro non ci sono riuscite, molte cose non hanno funzionato ma questo non deve cancellare quanto fin qui, restiamo fiduciosi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’altro assistente di coach Olive, Stefano Mineo: “Prima sconfitta stagionale con grande rammarico, dobbiamo dare atto a Reggio Calabria che ha fatto una partita importante, sostanziosa, con 40 minuti di grande intensità. Non sono andate bene alcune cose, non siamo riusciti a imporre quanto fatto nelle precedenti 12 partite. Importante però sottolineare il cammino fatto finora che resta così come la certezza che in palestra ripartiremo proprio da questo piccolo incidente di percorso facendo sì che questo scivolone resti come insegnamento nella nostra crescita, individuale e di squadra”. Come detto, si è fermata in Calabria, per la precisione a Reggio Calabria la corsa del CJ Basket Taranto che incappa in una serata no al tiro e perde la sua imbattibilità dopo 13 partite di campionato. Al PalaCalafiore vince la Pallacanestro Viola 57-55 brava a colpire sempre nei momenti decisivi del match, pronta in avvio di ogni quarto, trascinata da Fall (14 punti con 7/9 al tiro) e dalle triple di Genovese (15 punti) e degli altri per un totale di 8.

Tiro che è mancato a Taranto con le polveri bagnate dalla lunga distanza (2/19) e che ha pagato soprattutto l’assenza di Azzaro bloccato da un problema fisico e in panchina solo per onore di firma. Matrone (18 pti), Stanic (13) e Morici (10) in doppia cifra stavolta non bastano per ribaltare il risultato. Coach Olive recupera Stanic ma perde Azzaro. Il capitano va subito in quintetto con Duranti, Bruno, Matrone e Morici. Coach Bolignano risponde con Barrile, Fall, Gobbarto, Mascherpa e Genovese. Arriva la parola fine all’imbattibilità rossoblu ma non di certo al campionato del CJ Taranto che domenica al PalaFiom cercherà pronto riscatto, altri due punti, contro Bisceglie, prima di tuffarsi nella seconda fase.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche