11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 08:07:16

Cronaca News

Emergenza covid-19, come cambia l’Italia dal 6 marzo

foto di Emergenza coronavirus
Emergenza coronavirus

Nuovo premier, nuovo dpcm, regole nuove ma comunque in continuità con le impostazioni note, come l’Italia “a zone”. Le misure anti Covid vanno nella misura di una nuova stretta, ad ogni buon conto. Il nuovo Decreto del presidente del Consiglio, firmato dal premier Mario Draghi, fissa le nuove regole che saranno in vigore dal 6 marzo al 6 aprile (Pasqua e Pasquetta comprese). Scuola, spostamenti, asporto, seconde case, cinema, musei, teatri: cosa si può fare e cosa no nell’Italia alle prese con una nuova ripresa dei contagi a causa della diffusione nel Paese delle varianti del Coronavirus?

Come riporta l’agenzia AdnKronos, la stretta più significativa riguarda la scuola; e non solo in zona rossa. Nella fascia più alta di rischio Covid è prevista la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Per quanto riguarda le zone arancioni e gialle, i Presidenti delle regioni potranno disporre la sospensione dell’attività scolastica: nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti; nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni; nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Capitolo spostamenti: è confermato, fino al 27 marzo, il divieto già in vigore di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, con l’eccezione degli spostamenti dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità. Si potrà andare nelle seconde case se si trovano in zona gialla e arancione, ma solo se disabitate. Non si potrà andare nella seconda casa con amici e parenti. Resta in ogni caso il divieto di raggiungere le seconde case per chgi vive in zona rossa anche se queste si trovano in fascia bianca, gialla o arancione. Si amplia il novero dei Paesi interessati della sperimentazione dei voli cosiddetti ‘Covid tested’. A chi è stato in Brasile nei 14 giorni precedenti è consentito l’ingresso in Italia anche per raggiungere domicilio, abitazione o residenza dei figli minori. Tra i punti più dibattuti del nuovo Dpcm vi è quello che riguarda l’asporto, che resta vietato per i bar dopo le 18 ma sarà invece consentito alle enoteche e agli esercizi di commercio al dettaglio di bevande fino alle 22. Qualche novità è in arrivo per il mondo della cultura e dell’arte. Nelle zone gialle si conferma la possibilità per i musei di aprire nei giorni infrasettimanali, garantendo un afflusso controllato.

Dal 27 marzo, sempre nelle zone gialle, è prevista l’apertura anche il sabato e nei giorni festivi. Dal 27 marzo, nelle zone gialle si prevede la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala. Restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici. Invece, nelle zone rosse, saranno chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici. “Dopo il parere del Cts, è stato deciso che in area rossa le scuole di ogni ordine e grado saranno con didattica a distanza. Lo stesso avverrà nei territori in cui il tasso d’incidenza su 100.000 abitanti in 7 giorni sarà pari o superiore a 250” casi, ha dichiarato Roberto Speranza, ministro della Salute. “Il Dpcm è stato firmato, sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile.

E’ frutto di un confronto importante con il Parlamento, c’è stato un lungo confronto con le Regioni e con il Comitato tecnico scientifico. Il principio guida è la tutela della salute come faro e guida. Siamo convinti come governo che per far ripartire il paese si debba vincere la battaglia sanitaria, in particolare in questo momento: la curva dà segnali piuttosto robusti di ripresa e facciamo i conti a livello mondiale con alcune varianti temibili del virus, in particolare quella inglese”, ha aggiunto il riconfermato ministro della Salute. “Ma non vanno sottovalutate la variante brasiliana e quella sudafricana. Il Dpcm prova a mantenere un impianto di conservazione delle misure essenziali vigenti, viene confermato il modello di divisione per aree che corrispondono a colori, sulla base del quadro epidemiologico di ciascun territorio. L’innovazione più rilevante del Dpcm riguarda le scuole. La variante inglese, che in questo momento è prevalente, ha una particolare capacità di penetrazione nelle fasce più giovani”, afferma ancora. “Le misure che abbiamo disposto sono necessarie, importanti, possono metterci nelle condizioni di governare la curva del contagio. Valuteremo l’andamento dell’epidemia giorno per giorno”, ha dichiatato, prima di fare un appello ai cittadini: “Siamo in una fase epidemiologica che non può essere sot tovalutata, abbiamo bisogno del contributo di tutti. Un’epidemia non si vince solo con un Dpcm e un’ordinanza, il comportamento delle persone è essenziale”. Sull’ipotesi di prolungare l’anno scolastico, il ministro dice che “si valuterà passo dopo passo la necessità di aggiornare le misure. Ci sarà bisogno di un’ulteriore riflessione, è un tema che non può trovare ora una risposta definitiva”.

“Il tema della scuola – assicura – è decisivo. Tocca un numero significativo di famiglie italiane e c’è l’attenzione di tutto il Governo. Proviamo a tutelare il più possibile le nostre scuole e la vita dei nostri studenti e docenti. Abbiamo deciso le misure”, che prevedono la Dad in zona rossa e in aree con un tasso di incidenza particolarmente elevato, “perché c’è un fatto nuovo legato alla capacità d’impatto della variante inglese sulle generazioni più giovani”. “L’intervento economico a sostegno dei soggetti che si trovano a pagare un prezzo più alto è indispensabile. Siamo impegnati fin dai prossimi giorni a lavorare in questa direzione”, ha continuato Speranza rispondendo poi alle domande in conferenza stampa sul nuovo Dpcm, ribadendo la “necessità di dare un ristoro economico, una risposta, a quei tanti soggetti costretti a non continuare le loro attività a causa delle misure che sono oggi vigenti”.

“Ci aspettiamo che, se la curva continuerà a salire, per il meccanismo automatico delle mie ordinanze (che ora avranno effetto a partire dal lunedì)” si andrà verso “una maggiore presenza di colori arancione e rosso nelle prossime settimane nel nostro Paese. L’impegno del governo è dare risposte a queste persone” le cui attività saranno colpite dalle misure. “Siamo unitariamente convinti che bisogna dare risposte, consapevoli dei sacrifici di queste persone e il governo vuole stare loro vicino con atti concreti. Ma – ha ribadito Speranza – questi sacrifici sono indispensabili”. “In Italia – ancora Speranza – ci sono quasi 3 milioni di persone, qualcosa che si avvicina al 5% della popolazione, che hanno avuto il Covid. Su questo pezzo di Paese c’è un’attenzione molto alta. Ci sono protocolli che stiamo studiando, ipotesi sperimentali che stiamo verificando, per capire le conseguenze di lungo termine del Covid, un virus insidioso che provoca conseguenze non solo nell’immediato.

E’ uno degli obiettivi del ministero della Salute monitorare anche gli effetti a lungo termine, ci sono dei progetti a cui stiamo lavorando che nel più breve tempo possibile renderemo noti”, quanto annunciato dal ministro rispondendo a una domanda sul post Covid. “Il luogo giusto” per discutere sulla proposta di passaporto vaccinale “è la riunione di tutti i Paesi europei. C’è bisogno che i leader europei ragionino di questo. Non è un tema che secondo me può essere affrontato in poco tempo”, ha detto ancora, rispondendo a una domanda. “Non siamo in Europa a un livello tale di vaccinazioni da poterci consentire secondo me già una decisione, una scelta di natura definitiva – ha aggiunto Speranza – ma ritengo che quella sia la sede giusta” per discuterne. “E l’Italia come sempre ha fatto in questi mesi si muoverà nella massima sintonia con i principali Paesi europei e con la Commissione Europea”. “E’ stato approvato dal Parlamento nell’ultima risoluzione” nell’ambito delle “mie comunicazioni avvenute a fine febbraio, un testo molto chiaro che va nella direzione di considerare il vaccino bene pubblico globale. Noi riteniamo che quella sia la linea: il vaccino non come privilegio di pochi ma come diritto universale”, sottolinea quindi il ministro. La linea è “quindi provare a costruire le condizioni per cui si superino visioni esclusive ed escludenti – ha chiarito Speranza – e da parte delle compagnie farmaceutiche al momento l’atteggiamento è di comprensione di questa sfida che non è solo di un Paese e di tutta Europa, ma anche di tutta la comunità mondiale”.

“Abbiamo lavorato alacremente: la bozza del Dpcm è stata condivisa con le Regioni, i Comuni, le Province, già dalla scorsa settimana; ed è pronta da venerdì”, ha riferito quindi la ministra per gli Affari regionali Mariastella Gelmini nella conferenza stampa. “I tempi sono fondamentali per non arrecare ulteriori disagi ai cittadini. Oggi c’è stata una messa a punto sul tema scuola – prosegue Gelmini – e stasera siamo in grado di completare questo Dpcm, proprio per lasciare il tempo ai cittadini di poter uniformare la propria vita a queste regole, che ovviamente sono stringenti”. Inoltre, “c’è anche un cambio di metodo, perché il Dpcm è improntato alla massima condivisione possibile, anzitutto con il Parlamento. Ringrazio tutti i gruppi parlamentari per avere contribuito a una risoluzione che rappresenta la stella polare alle quale abbiamo uniformato questo provvedimento”.

Condivisione che, osserva Gelmini, “si è estesa dal Parlamento alle Regioni, alle Province e ai Comuni: ringrazio la Conferenza Stato-Regioni, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, il presidente dell’Anci Antonio Decaro e il presidente dell’Upi Michele de Pascale, perché all’interno di queste riunioni sono emerse criticità e problematiche”. “Siamo in grado di dare un segnale anche ai mondi della cultura: dal 27 marzo, sarà possibile, a fronte di una prenotazione che potrà avvenire solo online, tornare a frequentare i luoghi della cultura: ce lo auguriamo tutti”, aggiunge. “I segnali di discontinuità sono evidenti, anche dalle scelte che il presidente Draghi ha fatto, con le nomine del generale Figliuolo come nuovo commissario all’emergenza e Curcio come capo della Protezione civile: oggi ho avuto il piacere di incontrarli e posso già annunciare che venerdì si svolgerà la prima riunione sul tema dei vaccini con la Conferenza delle Regioni, dei Comuni e delle Province. Anche questo sarà un momento importante per accelerare sull’obiettivo principe del Governo”, riferisce ancora la ministra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche