20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Cronaca News

«Taranto strategica per lo sviluppo della Puglia»

foto di L’assessore regionale allo sviluppo economico Alessandro Delli Noci e il consigliere Gianfranco Lopane nella redazione di TarantoBuonasera
L’assessore regionale allo sviluppo economico Alessandro Delli Noci e il consigliere Gianfranco Lopane nella redazione di Taranto Buonasera

Incontri istituzionali e con gli attori delle attività produttive della provincia ionica. È stata una giornata intensa quella dell’assessore regionale allo sviluppo economico, Alessandro Delli Noci, che nella giornata di giovedì 4 marzo è stato a Taranto e in alcuni comuni della provincia per ascoltare le esigenze di imprenditori e operatori commerciali. Accompagnato dal consigliere Gianfranco Lopane, l’assessore è stato anche nella redazione del nostro giornale.

«Ho voluto essere a Taranto – ha spiegato Delli Noci – non solo per prestare il dovuto ascolto alle associazioni delle categorie produttive, ma anche per testimoniare la mia attenzione verso questa comunità. Taranto ha possibilità straordinarie di rilancio, sia attraverso finanziamenti che attraverso le opportunità offerte dal Contratto Istituzionale di Sviluppo. Bisogna avere consapevolezza della centralità dell’industria che certamente non è solo Ilva ma che è costituita dalle tante attività che si possono sviluppare sul territorio».

L’assessore ha già una linea strategica di massima sui nodi cruciali sui quali intervenire: «Stiamo lavorando su grandi nuovi investimenti su Taranto e Grottaglie. Intorno al porto dobbiamo costruire lo sviluppo e il rilancio del territorio. Ho incontrato il presidente dell’Autorità Portuale, Sergio Prete, e il sindaco Rinaldo Melucci per confrontarci su questi aspetti. Taranto è al centro delle strategie di sviluppo regionale. Credo che Taranto possa rilanciare la Puglia in un contesto internazionale e mediterraneo». Ma cosa chiedono gli imprenditori ad un ente come la Regione, di quali interventi hanno bisogno? «È un momento difficile per la nostra economia e va chiarito che la Regione non si occupa di ristori ma di incentivi. Bisogna sostenere gli imprenditori nella ricerca di nuovi mercati internazionali, dobbiamo aiutarli nella transizione verso il digitale e l’e-commerce. Per quanto riguarda la necessità di avere liquidità in questa fase, lavoreremo sui microprestiti differenziati che aiutino tutti i settori ma a prescindere dalla classificazione Ateco: i dati ai quali fare riferimento sono i bilanci, perché non tutti hanno avuto le stesse difficoltà. Noi dobbiamo aiutare le imprese a risalire la china».

Risalire la china puntando sulle vocazioni dei territori, come ha sottolineato il consigliere Lopane: «Dobbiamo metterci alle spalle la pandemia e pensare alla ripartenza. La Puglia può ripartire da Taranto puntando sulle potenzialità e sulle vocazioni dei singoli territori. Agricoltura e artigianato sono asset fondamentali che, anche attraverso la programmazione comunitaria, possono essere pilastri di un piano di ripartenza dell’intero Paese che non può prescindere dal ruolo strategico Mezzogiorno. Ci sono sindaci che lo hanno intuito e si stanno già attivando in questo senso».

Enzo Ferrari
Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche