22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Cultura News

La letteratura e i nuovi strumenti di lavoro

foto di La letteratura e i nuovi strumenti di lavoro
La letteratura e i nuovi strumenti di lavoro

Caro direttore,
ai miei tempi, all’Archita, da studente, avevo quale testo di letteratura italiana il triplice volume del prof. Pasquini, accompagnato da una storia antologica, che era quella del Galletti – Alterocca. Tempo dopo, da docente, adottai prima il Momigliano, quindi, di Mario Sansone la “Letteratura italiana”. Cambiati i tempi e le situazioni anche politiche, da preside d’Istituto, registrai l’osservanza di taluni docenti, sempre dell’ordine classico, di altre letterature unite ad antologie in più volumi, come quello del Marti-Varanini ed altre consimili.

Ma come testo nel tempo consacrato per non pochi docenti fu quello, rinnovato ed aggiornato, di Mario Sansone. (Principati, 1982). Una letteratura chiara ed affascinante, allora nasce una coincidenza: il succedersi delle stagioni storiche e il rapido mutamento di fatti e di avvenimenti che caratterizzano il tempo nostro e trasformano quotidianamente il volto della società, non possono non incidere e in maniera molto acuta e profonda sulla letteratura di un popolo che è sempre lo specchio di quella società in cui scrittori e poeti vivono ed operano. Altro aspetto, particolarmente drammatico, della nostra epoca è il susseguirsi di tante metodologie critiche legate a diverse ideologie nonché l’affermarsi di strutture operative o di mezzi e strumenti di classificazione o da non pochi tipi di ricerca che vanno dagli studi strutturalisti a quelli della semiologia o della psicanalisi; e la progressiva avanzata della tecnologia può o potrebbe incidere sulla eventuale metodologia da seguire.

Per cui di fronte a così lucidi e fermi nuovi strumenti di lavoro la prima domanda che uno studioso si pone o si deve porre è se oggi, oltre il Duemila, si può ancora scrivere una storia della letteratura tradizionalmente intesa. Un dibattito recente sull’argomento ha interessato molti illustri storici della letteratura e, all’unanimità, pur con diverse motivazioni, o da diverse angolazioni metodologiche, tutti si sono detti convinti che una Storia della letteratura, è un adempimento culturale necessario, ancora oggi. Anche noi siamo fermamente convinti che è possibile scrivere la storia letteraria di un popolo, ma a patto che si realizzino alcune opportune innovazioni didattiche e metodologiche. Prima di tutto è sempre da tenere presente il fatto che una storia letteraria diretta ai giovani è un fatto della realtà culturale, scolastica e, come tale, va analizzato e descritto. Certo sarebbe sempre utile scrivere una letteratura per saggi, storicamente disposti, monografici. È, come è noto, una vecchia tesi crociana, ma essa ha dato e può ancora dare degli equivoci. In realtà bisognerebbe distinguere la storia della poesia, dalla storia della letteratura così come noi la intendiamo. La storia della poesia non può farsi che per saggi, relativi ai singoli poeti e alle loro opere.

Ed infatti, anche muovendo da una concezione storicistica, la poesia, ad esempio di Dante, nulla ha a che vedere con quella del Tasso e con quella del Carducci. Realtà poetiche diverse in differenti periodi della storia culturale italiana o europea. Fare una storia della poesia in tal senso, significherebbe anche pretendere dal docente di intervenire, di volta in volta, per richiamare l’attenzione dei giovani su tutti quegli altri aspetti della civiltà di un popolo che sono organicamente legati fra loro: vita politica, intellettuale, economica, morale, religiosa, artistica in senso lato, cioè tutto quell’altro mondo poetico, razionale ed anche spirituale (si veda la vita religiosa di un popolo) che di forza entra nella attività creatrice di un poeta o di uno scrittore. E allora, di forza, la storia della poesia diventa la storia della letteratura, strutturalmente intesa come un complesso di fattori che possono sembrare estranei al fatto poetico, invece sono intimamente e necessariamente ad esso comuni. Ed infatti, come ogni grande o meno grande artista, non può non assumere in sé i più cospicui elementi della sua cultura e della sua e della letteratura in tutti i suoi aspetti, così ogni grande opera d’arte genera sempre una nuova tradizione di letteratura ed apre alla cultura una nuova visione della vita intellettuale e spirituale. E così il raggio di visione si dilata al pensiero che una letteratura è in intimo rapporto con la letteratura di altri popoli, passato o presente e, quindi, una vera storia della letteratura non può essere che una storia comparata di civiltà, che nel corso dei secoli si sono succedute nella vita e nelle diverse società dei popoli. Accanto all’ individuale, dunque, c’è l’universale, che è la società nella quale l’individuo vive ed esprime più o meno compiutamente la sua personalità. Proprio da questo diacronismo nasce la possibilità di scrivere o riscrivere o di inventare. (nell’etimo antico dell’espressione), una “storia” della letteratura italiana. Sol che essa, desanctisianamente intesa, deve essere un blocco unico di pensiero e di vita sociale e non disperdersi in toni su toni che allontanano il docente e il discente da una esauriente unitaria visione culturale ed estetica che, ripeto, deve essere organica e mai dispersiva in faticosi volumi di tutto e non per tutti.

Paolo De Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche