18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 12:17:53

Cronaca News

Un “ticket rosa” per viaggiare gratis lunedì 8 Marzo

foto di Il sindaco Rinaldo Melucci, la consigliera comunale Federica Simili e la presidente di Kyma Mobilità Giorgia Gira
Il sindaco Rinaldo Melucci, la consigliera comunale Federica Simili e la presidente di Kyma Mobilità Giorgia Gira

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, lunedì 8 marzo, sugli autobus di Kyma Mobilità tutte le donne viaggeranno gratis. È un innovativo “ticket rosa” per le passeggere che, per questa particolare giornata, a Taranto non avranno bisogno di fare il biglietto per usufruire del trasporto pubblico urbano.

«La pandemia ha inciso pesantemente su qualità della vita e del lavoro, specie delle donne – le parole del sindaco – per questo motivo l’8 marzo che celebriamo quest’anno ha un valore diverso, deve essere ancor più scevro dalle ipocrisie che qualche volta lo hanno connotato. Il biglietto gratis è un gesto simbolico, un’idea per la quale ringraziamo la consigliera comunale Federica Simili, che ci impegna ad aver maggiore attenzione per i bisogni delle donne ogni giorno dell’anno». «In Kyma Mobilità le donne rappresenta no il 10% del personale – ha commentato il presidente Giorgia Gira – ricoprendo tutte le mansioni della nostra azienda, anche dirigenziali, con un trend che negli ultimi dieci anni è in continua crescita». La proposta della consigliera comunale Federica Simili ha trovato subito riscontro da parte del sindaco Rinaldo Melucci, dell’azienda partecipata e dell’intera amministrazione. «È un piccolo gesto, una carezza, dall’alto valore simbolico – le parole di Federica Simili – con cui Kyma Mobilità e amministrazione comunale vogliono essere vicine alle donne e ricordare che la strada da percorrere per raggiungere una vera uguaglianza di genere, anche nel nostro Paese, è ancora lunga. In molti aspetti della loro vita, come la diseguaglianza salariale, le donne subiscono ogni giorno una continua discriminazione che limita la qualità della vita e le aspirazioni personali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche