24 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca News

“Rimborsi legittimi, pronta a chiarire tutto”


Floriana de Gennaro

Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Floriana de Gennaro la seguente precisazione in seguito alla vicenda che vede coinvolti lei e altri tre consiglieri Emidio Albani, Piero Bitetti e Carmen Casula (tutti della maggioranza, la de Gennaro è dell’opposizione). Come abbiamo riferito nell’edizione cartacea di ieri 5 marzo, la Guardia di Finanza ha sequestrato disponibilità finanziarie e beni mobili e immobili del valore complessivo di 255.000 euro perchè avrebbero percepito, è questa la contestazione degli inquirenti, rimborsi gonfiati e indebiti negli anni 2017-2019.

Ecco il testo: “Alla luce delle notizie apparse sulla stampa con il mio nome, in relazione alle indagini della Guardia di Finanza e della Procura di Taranto – scrive Floriana de Gennaro – nella vicenda che mi vede indagata per la presunta truffa al Comune di Taranto, valutazioni che rispetto, ma che è bene ricordare non sono delle sentenze, mi sento in dovere ed in diritto di negare e contestare qualsiasi mia responsabilità diretta su quanto addebitatomi. Ho piena fiducia nel corso della giustizia nella consapevolezza – continua la de Gennaro – di non aver mai truffato nessuno, e sono fiduciosa che i miei legali e consulenti fiscali potranno chiarire al più presto ogni addebito sulla mia persona per affermare la mia estraneità ai presunti reati contestatimi. Sento quindi oggi il dovere di autosospendermi da Fratelli d’ Italia, per non coinvolgere nella mia vicenda personale il partito che mi ha accolto dopo la mia elezione con la lista civica La Scelta #pertaranto, in attesa che venga chiarita la mia assoluta estraneità ai fatti contestatimi. Ho sempre lavorato personalmente – puntualizza – accanto a mio marito nelle nostre attività commerciali ed imprenditoriali, come tutta la città di Taranto, autorità, commercianti ed imprenditori ben sanno, e sarà quindi facile dimostrare e comprovare inconfutabilmente tale circostanza a chi ha messo in dubbio il mio operato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche