18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 12:17:53

Cronaca News

Sviluppo sostenibile ed economia circolare

foto di Rifiuti abbandonati per strada
Rifiuti abbandonati per strada

Sviluppo sostenibile, economia circolare, green economy sono parole che negli ultimi anni sentiamo ripetere spesso. Ma qual è il loro reale significato? E cosa comportano per noi “abitanti del pianeta Terra”? Nel 1987, la Commissione mondiale su Ambiente e Sviluppo così si espresse: «Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i loro».

Per gli economisti classici, tutte le risorse naturali contribuiscono alla crescita della ricchezza ma… come è possibile una crescita economica illimitata se la terra è limitata? Nel 1966, l’economista inglese Kenneth Boulding delineò due tipi di economia, identificandoli con due figure, il cowboy e l’astronauta. Il cowboy, mosso da una continua sete di conquista e di consumo, considera sterminate le pianure che lo circondano. L’astronauta, invece, è consapevole dei limiti del sistema che lo ospita, la grande navicella spaziale Terra. Boulding, così, è stato il primo a considerare la Terra come un sistema chiuso, solo dalla quale, proprio come avviene per gli astronauti in una navicella spaziale, si possono trarre le risorse necessarie e solo sulla quale si possono rigettare le scorie e i rifiuti. Le scorte di energia e, soprattutto, le materie prime possono essere durevoli solo se sono riutilizzate e riciclate. Pertanto, l’espansione dei consumi e delle economie dei singoli paesi, basandosi sul presupposto errato di considerare illimitate le risorse sul nostro pianeta, porterà inevitabilmente a una crisi.

Ciò premesso, per giungere allo sviluppo sostenibile bisogna passare da un’economia lineare, la cui ultima tappa è il “rifiuto”, a un’economia circolare, in cui il rifiuto diviene fonte di “nuove materie prime”. Nell’economia lineare, infatti, gli oggetti che usiamo quotidianamente hanno una vita molto breve; li usiamo e poi li buttiamo, trasformandoli in rifiuti. Questo ciclo viene definito “dalla culla alla tomba”. La vita di ogni prodotto è scandita essenzialmente da cinque tappe: estrazione, produzione, distribuzione, consumo e rifiuti, ognuna delle quali richiede materie prime ed energia e genera scarti e inquinanti. Ma abbiamo visto che le materie prime non sono illimitate e i rifiuti e gli inquinanti hanno enormi impatti ambientali. Nel 2002, l’architetto americano William McDonough e il chimico tedesco Michael Braungart nel libro “Dalla culla alla culla, come conciliare tutela dell’ambiente, equità sociale e sviluppo”, illustrarono come sia possibile creare una società totalmente priva di rifiuti. Essi suggerirono di “eliminare il concetto di rifiuto, non riducendo, minimizzando o evitando i rifiuti, ma eliminando proprio il concetto con la progettazione” secondo la quale l’oggetto viene ideato per non avere mai fine ed essere o reintrodotto nel ciclo produttivo come materia prima o reintegrato perfettamente nel ciclo naturale. Un ciclo definito “dalla culla alla culla”.

In quest’ottica, in natura non esistono più scarti ma solo risorse e il consumatore non è più il destinatario di un prodotto ma di un bene! Questa teoria, emulando l’equilibrio esistente negli ecosistemi naturali, concilia tutela dell’ambiente, equità sociale e sviluppo economico. Facciamo qualche esempio. Riutilizziamo i rifiuti organici biodegradabili tramite una nuova filiera industriale, quella delle cosiddette bioraffinerie. Il concetto di una bioraffineria è analogo a quello di una raffineria di petrolio dove la materia prima, il petrolio grezzo (convertito in carburanti e in sottoprodotti quali fertilizzanti e plastiche), viene sostituito dalle biomasse. Ma cosa si intende per biomasse? Con il termine di biomassa si indica la frazione biodegradabile di prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura, dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la frazione biodegradabile dei rifiuti urbani e industriali. Tramite la bioraffineria, dai rifiuti organici si possono ottenere combustibili, solventi, prodotti chimici, plastiche, fibre vegetali, olii. Tuttavia, l’applicazione del concetto di bioraffineria, pur così promettente nelle premesse e nei risultati attesi, può essere ostacolata dalla variabilità quali-quantitativa dei residui e dall’assenza di una logistica adeguata che consenta di connettere in modo efficace i produttori dei rifiuti, le bioraffinerie, gli utilizzatori dei prodotti intermedi e finali e i consumatori. Ma questa è un’altra sfida.  

 

Ester Cecere
Primo ricercatore Cnr – Istituto Talassografico Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche