18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 12:17:53

Cronaca News

Lopalco: «Ecco perchè è necessario chiudere le scuole pugliesi»

foto di Pier Luigi Lopalco
Pier Luigi Lopalco

“Quando c’è una circolazione elevata del virus, le scuole devono chiudere. Ma non ha senso chiuderle e lasciare aperto tutto il resto. È necessario un lockdown di almeno due settimane, come a marzo di un anno fa, per frenare la diffusione delle varianti Covid, che colpiscono soprattutto i più giovani”. A parlare è Pier Luigi Lopalco, epidemiologo, la mente del Piano pandemico pugliese e, dallo scorso ottobre, assessore alla Salute della Regione Puglia, in una intervista rilasciata a Gaetano Gorgoni e pubblicata sull’Eco di Bergamo. La questione scuole, in Puglia, è stata molto dibattuta.

“Tutti a casa per la salute di tutti. In Puglia abbiamo cercato di chiudere la scuola per frenare l’avanzata della seconda ondata, ma non ce l’hanno permesso, perché alla fine, tra bisogni educativi speciali, chi chiedeva di portare i figli a scuola perché non poteva tenerli a casa, più tutte le fasi in cui il Tar ha smorzato le nostre ordinanze, alla fine la didattica in presenza c’è stata. Questa situazione ha fatto lievitare i contagi, che con la chiusura completa sarebbero stati frenati: ogni settimana abbiamo avuto centinaia di casi, fra docenti, personale e studenti. Anche con la presenza limitata a scuola abbiamo ogni settimana migliaia di persone in quarantena”.

Tra gli studi che fanno pensare alla necessità della didattica a distanza Lopalco cita, nell’intervista, “quello del Centers for disease control and prevention di Atlanta, in Georgia, che documenta nove cluster in sei differenti scuole elementari. Il numero non è importante, quanto la qualità della indagine e la descrizione delle catene di contagio dove i bambini svolgono un ruolo chiave nel trasferire il contagio da scuola a casa (o viceversa) e all’interno della comunità scolastica da o agli insegnanti. Non bastano distanza, barriere di plexiglas e mascherine: nel corso delle attività didattiche in presenza il contagio è inevitabile. Ribadisco che nelle comunità dove l’intensità di circolazione virale è alta, le scuole rappresentano un volano di contagio. Basta un po’ di buon senso (e un minimo di esperienza epidemiologica) a capirlo”. A favorire il contagio, ha dichiarato Lopalco, il fatto che “sono tutti al chiuso per 4 ore. Le mascherine sono relative: vengono utilizzate male, col naso scoperto. I ragazzi si toccano il naso con le mani dopo aver toccato la mascherina contaminata. Solo personale esperto, che esegue perfettamente le misure di prevenzione, potrebbe salvarsi in un contesto simile.

Tant’è vero che i focolai ci sono pure negli ospedali. Si sono infettati esperti con mascherine, camici e occhiali: immaginate a scuola. Si infettano medici e infermieri perché basta sbagliare una sola volta, un solo passo. Nelle scuole i ragazzi spesso non rispettano nemmeno le distanze. Quando condividi uno spazio confinato ogni giorno per 4 ore, non è facile seguire alla lettera tutte le misure igieniche, lavarsi le mani ogni volta che si tocca un oggetto oppure il cellulare. Non giriamo intorno ai problemi: è impossibile immaginare, in una situazione in cui il virus avanza, di tenere aperti gli istituti scolastici, che sono polveriere a rischio esplosione”.

Parlando con l’Eco di Bergamo, Lopalco critica anche il sistema delle zone rosse: “Il principio è sbagliato. Bisognava chiudere prima che esplodesse la terza ondata. Che senso ha creare una zona rossa in un comune dove il virus circola pesantemente? Ormai il danno è fatto. Le chiusure devono essere sempre preventive. Lo so che dal punto di vista politico sono scelte complicate da spiegare. Ci rimproverano di chiudere la scuola in zona gialla: è difficile far capire il concetto della prevenzione. Un epidemiologo sa quando la curva è partita, sa che quel piccolo incendio potrebbe diventare indomabile” dice l’assessore regionale pugliese nell’intervista concessa a Gaetano Gorgoni. Vaccini: “AstraZeneca mette al riparo in maniera efficace dai gravi effetti della malattia già dopo la prima dose. L’efficacia è buona e vaccinare tutta la comunità scolastica entro marzo, come prevediamo, sarà un grande passo in avanti nella lotta al virus”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche