24 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Luglio 2021 alle 21:10:00

Cronaca News

Decisione del Consiglio di Stato sull’ex Ilva, il Sindaco: «L’unica certezza è che fermeremo l’area a caldo»

L'ex Ilva di Taranto
L'ex Ilva di Taranto
«Nessuna sorpresa, nessuna variazione sul percorso che abbiamo impostato con l’intera comunità. E quand’anche gli esiti dell’udienza di maggio del Consiglio di Stato dovessero prevaricare l’aspirazione di mezzo milione di cittadini e i diritti fondamentali sanciti dal TAR di Lecce, noi andremo avanti in ogni grado di giudizio, anche in sede europea».
E’ questa la prima reazione del Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci alla concessione della sospensiva da parte del Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso di Arcelor Mittal contro lo spegnimento dell’area a caldo del siderurgico.
«Ringraziamo la Regione Puglia per la vicinanza, lascia esterrefatti Invitalia -scrive ancora Melucci-, un pezzo di Stato, con tanti interessi a Taranto, che opera in maniera non trasparente e si associa ad ArcelorMittal. È un grave danno di credibilità al Governo della transizione ecologica del Presidente Mario Draghi.
Ora verifichiamo cosa c’è nel Recovery Plan per l’ex Ilva, di lì capiremo davvero tante cose. L’unica certezza è che noi fermeremo l’area a caldo dello stabilimento siderurgico, con ogni mezzo possibile, ogni giorno sarà una pena per loro e per chi intenderà danneggiare ancora la vita dei tarantini e interferire con la svolta della città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche