23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

Cronaca News

Riti, l’iniziativa del confratello Giuseppe

foto di Riti, l’iniziativa del confratello Giuseppe
Riti, l’iniziativa del confratello Giuseppe

In previsione di un altro stop ai Sacri Riti, dopo quello dello scorso anno a causa della pandemia, per il secondo anno consecutivo Giuseppe, confratello dal 1984 residente nel borgo umbertino, «a profonda devozione e venerazione» espone sul balcone della sua abitazione la sacra effige del Cristo Crocifisso «colui che patì la morte sul legno della croce per la salvezza di molti in questo mondo. Tu che passi solleva lo sguardo al Signore Crocifisso e prega affinchè lui, che tutto può, sconfigga questa pandemia». Il confratello Giuseppe coglie l’occasione per «ringraziare la mia compagna Silvia, sempre pronta a seguirmi tutta la notte del Venerdi e Sabato Santo.

Un abbraccio particolare va a monsignor Marco Gerardo nostro padre spirituale, al nostro priore Antonello Papalia all’intero consiglio di amministrazione della nostra Arciconfraternita, a tutti i confratelli e consorelle in particolare a quelli che in questi ultimi anni hanno atteso con me il giorno della gara per l’aggiudicazione dei simboli e condiviso l’emozione della notte mistica nella processione dei misteri: Fabio, Francesco, Danilo e Vincenzo M., Lele P., Mattia G., Angelo L., Angelo R., Nunzio R., Enzo C., Massimo D., Marino C. Concludo con una frase del compianto Nicola Caputo studioso dei Sacri Riti “ad maiora fratelli e sorelle questo abbraccio durerà un altro lunghissimo anno”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche