18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Cronaca News

Borseggiavano anziani all’esterno di banche e poste


La Squadra mobile

Borseggiavano anziani all’esterno di banche e di uffici postali. II poliziotti della Squadra Mobile di Taranto hannpo notificato ordinanze di custodia cautelare a Francesco Mastrogiacomo e Nicola Portoghese, entrambi di sessantuno anni, ad Antonio Patruno, di cinquantotto e a Vito Azzariti di sessantasette. I primi tre sono finiti in carcere mentre Azzariti è ai “domiciliari”. Il quartetto è ritenuto responsabile di almeno cinque furti, quattro nel capoluogo jonico ed uno a Martina Franca. Avrebbero preso di mira persone anziane portando via grosse somme di denaro che le vittime avevano prelevato poco prima da uffici postali o da istituto di credito.

Come accertato dalle indagini partite lo scorso dicembre dopo la denuncia di un novantenne tarantino, la banda di presunti ladri, sempre con lo stesso “modus operandi”, adocchiava le vittime all’interno delle filiali e con azioni metodiche le seguiva per strada fino ad avvicinarle per poi, con estrema destrezza sottrarre il denaro che era custodito nella maggior parte dei casi all’interno dei cappotti. Un notevole impulso all’attività d’indagine dei poliziotti lo si è avuto a metà dicembre scorso quando, dopo la prima denuncia di furto, gli agenti della Squadra Mobile si sono recati nell’ufficio postale indicato dalla vittima. Gli investigatori mentre acquisivano notizie dagli impiegati presenti nella filiale, hanno notato due uomini, uno all’interno dei locali e un altro sul marciapiede, molto somiglianti alle descrizioni fatte dalla vittima e somiglianti con i ladri immortalati nei filmati dei sistemi di videosorveglianza dell’ufficio postale, che erano stati acquisiti due giorni prima.

I due, dopo aver notato la presenza delle forze dell’ordine, hanno cercato di dileguarsi ma sono stati fermati ad un isolato di distanza dai poliziotti i quali sono riusciti prima ad identificarli e poi a denunciarli per furto ai danni del novantenne. Grazie alla analisi di numerosi sistemi di videosorveglianza installati nella zona in cui erano avvenuti gli altri quatto furti, gli investigatori hanno individuato i componenti della banda, tutti con numerosissimi precedenti specifici e tutti residenti nel capoluogo barese. E’ stato accertato che i quattro sin dal 2008 erano stati arrestati più volte perché ritenuti responsabili di borseggi ai danni di anziani in varie città della Puglia e del Molise. I poliziotti della Mobile tarantina, con la collaborazione dei loro colleghi di Bari, sono riusciti a rintracciare i quattro e a notificare i provvedimenti restrittivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche