21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Cronaca News

Il Sindaco Melucci: «Così cambia la città»

foto di Lavori in corso Italia
Lavori in corso Italia

Nuovo momento di confronto coordinato nei giorni scorsi dall’Università del Salento con i sindaci dei comuni capoluogo e i presidenti delle province di Taranto, Lecce e Brindisi, al fine di varare la struttura operativa ed il cronoprogramma, che includerà la partecipazione di istruzioni, associazioni e cittadini, per la realizzazione del primo masterplan della Terra d’Otranto, una vera e propria area vasta interprovinciale nella quale mettere a sistema esperienze, progetti, investimenti, promozione, capace di massimizzare le iniziative della stessa Regione Puglia per le nostre comunità, rappresentando per il futuro un modello di buone pratiche da replicare in altri territori.

Questa pianificazione è destinata ad essere coerente e a completare gli altri strumenti di cui si è dotata in questi ultimi tre anni l’amministrazione comunale «e che rendono finalmente Taranto una città con una visione ben strutturata, nella direzione richiesta dai cittadini verso un modello di sviluppo culturale ed economico alternativo e sostenibile» si dice da Palazzo di Città. Come noto, in questo solco operano il piano comunale di transizione Ecosistema Taranto, con al suo interno il percorso del nuovo piano urbanistico generale, come il piano strategico regionale Taranto Futuro Prossimo ed anche il contributo fornito di recente dal think tank The European House – Ambrosetti, sulle relazioni dell’area ionica con la Basilicata.

«È probabilmente l’ultimo tassello di una strategia di pianificazione che era sempre mancata al capoluogo ionico – ha commentato il sindaco Rinaldo Melucci a margine dell’appuntamento sulla Terra d’Otranto -. Taranto non è più un luogo commissariato, nel quale si realizzano gli interessi di soggetti non residenti. Stiamo definendo, nel rispetto delle rispettive peculiarità e aspirazioni, i rapporti economici, infrastrutturali e di altra natura con i territori limitrofi, ne gioverà la nostra capacità di attrarre flussi e investimenti dai superiori livelli istituzionali e dal mercato. Persino nell’ambito del Recovery Plan c’è spazio per obiettivi comuni con Brindisi e Lecce e bisogna fare in fretta».

Intanto, la Polizia Locale è al lavoro per perfezionare la videosorveglianza della corsia preferenziale di viale Liguria. Il sindaco Melucci, ieri sul posto per un sopralluogo, ha rassicurato i cittadini rispetto alla gestione del sistema, annunciando anche le prospettive di riqualificazione di una tra le arterie commerciali più importanti della città.

«In molti si sono preoccupati e lamentati – ha spiegato Melucci -, per le telecamere che non funzionano a dovere. Ho già disposto un’integrazione del sistema, affinché vengano installate telecamere di contesto per avere una visuale più ampia rispetto a eventuali infrazioni. Chi ha ricevuto sanzioni, in ogni caso, può sempre fare ricorso alla Polizia Locale: sappiamo che c’è stato qualche disagio, e ce ne scusiamo. Contestualmente stiamo approntando il nuovo volto di viale Liguria, con una pista ciclabile e arredi urbani più decorosi: il progetto è pronto, ora toccherà a tutti essere più rispettosi». Lo stesso sindaco Rinaldo Melucci ha verificato di persona l’andamento del cantiere per il rifacimento di corso Italia. Completata la carreggiata di destra, in direzione piazza M. Ausiliatrice, i lavori stanno interessando la carreggiata in direzione viale Magna Grecia e sono attualmente all’altezza del tribunale.

«In poche settimane questo cantiere ha già cambiato aspetto a una delle arterie cittadine più importanti – il commento del sindaco –, come promesso stiamo riqualificando gradualmente la maggior parte del tracciato viario, intervenendo in tutto il territorio comunale. Anche il cantiere di via Mediterraneo procede rapidamente e stiamo prevedendo di intercettare nel prossimo bilancio altre risorse per completare il nostro grande piano strade e marciapiedi». Infine, fino al prossimo 9 aprile, il traffico nei pressi della rotatoria di corso Italia con viale Magna Grecia subirà alcune variazioni per un cantiere di Acquedotto Pugliese. I lavori, il cui inizio è previsto per oggi, giovedì 25 marzo, interesseranno le condotte che attraversano viale Magna Grecia e consentiranno il ripristino della sede stradale a seguito di questo e di un precedente intervento. In particolare, il traffico lungo viale Magna Grecia, in direzione viale Virgilio, sarà dirottato su corso Italia all’altezza della rotatoria, che sarà parzialmente interdetta, così come accadrà per il traffico lungo corso Italia proveniente dal quartiere Salinella, dirottato su viale Magna Grecia.

Sarà ridotta anche la percorribilità di una porzione di viale Magna Grecia, nel tratto prospiciente i Giardini Virgilio, consentita solo sulla carreggiata di sinistra. Per agevolare il transito di tutte le tipologie di mezzi di trasporto, inoltre, sarà disposto il divieto di sosta lungo viale Magna Grecia sempre nel tratto prospiciente i Giardini Virgilio e in entrambe le carreggiate nel tratto compreso tra via Veneto e corso Italia. Sosta vietata anche lungo corso Italia, su entrambe le carreggiate nel tratto tra il civico 308 e viale Magna Grecia. La scelta di avviare il cantiere in questo periodo, con il traffico veicolare ridotto per via delle restrizioni previste per la cosiddetta “zona rossa”, consentirà di ridurre anche i disagi per i cittadini.

1 Commento
  1. michele tamborrino 4 settimane ago
    Reply

    A proposito della città che cambia, fa sempre piacere apprendere di nuovi cantieri in corso.
    Mi chiedo sempre, però, i motivi per cui non vengano avviati i lavori riguardanti le tre rotatorie di viale Magna Grecia (ang. via Pisa, via Dante e via Calamandrei), più volte annunciati come di immediata esecuzione, perché di vitale importanza per lo snellimento del traffico:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche