14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 15:33:27

Cronaca News

Rimborsi gonfiati al Comune, rigettati i ricorsi

Il tribunale di Taranto
Il tribunale di Taranto

Rimborsopoli al Comune: il Tribunale del Riesame ha rigettato i ricorsi presentati dal collegio difensivo degli indagati. All’inizio di marzo per rimborsi indebiti o maggiorati, la Guardia di Finanza ha sequestrato disponibilità finanziarie e beni mobili ed immobili, per 255mila euro, a quattro consiglieri comunali e a tre datori di lavoro. I consiglieri comunali finiti nel mirino delle Fiamme Gialle sono Floriana De Gennaro, Emidio Albani, Piero Bitetti e Carmen Casula.

Gli accertamenti hanno riguardato i rimborsi previsti dagli articoli 79 e 80 del decreto legislativo n. 267/2000, in base ai quali le assenze di un lavoratore dipendente per l’esercizio delle funzioni di componente di un Consiglio comunale sono retribuite a cura del suo datore di lavoro, il quale, su specifica richiesta documentata, viene successivamente rimborsato dall’Ente civico. Gli investigatori della Guardia di Finanza hanno accertato che i quattro consiglieri comunali, in unione e con il concorso con i titolari di imprese, avrebbero in alcuni casi simulato del tutto l’esistenza di un contratto di lavoro dipendente e, in altri casi, modificato ad arte. in senso migliorativo. l’inquadramento contrattuale, al fine di ottenere, per le loro assenze dal lavoro, giustificate dalla partecipazione alle sedute del Consiglio comunale di Taranto, rimborsi del tutto indebiti o quantomeno maggiorati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche