16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 12:00:44

Cultura News

Dante, un nuovo monumento… digitale

foto di Dante Alighieri
Dante Alighieri

“La pandemia isola, la cultura unisce” ha affermato Andrea Riccardi, presidente della Società Dante Alighieri, in occasione dell’assemblea dei soci tenutasi nei giorni scorsi in modalità digitale a Palazzo Firenze, sede della Società Dante Alighieri, nel cuore del centro storico di Roma.

«Celebreremo Dante nei 700 anni dalla morte con la più grande piattaforma digitale per lo studio della lingua e della cultura italiane – ha proseguito Andrea Riccardi – questo è il nostro monumento al Sommo Poeta per il 2021». Dante Global sarà il nome della piattaforma che offrirà corsi d’italiano e servizi digitali. Collegati da tutto il mondo, i soci della Dante hanno approvato il bilancio consuntivo 2020 e il bilancio preventivo 2021 e votato l’ingresso nel Consiglio centrale di sette prestigiosi candidati, tra i quali la scrittrice ungherese Edith Bruck, sopravvissuta ad Auschwitz e testimone di speranza e impegno, che ha trovato nell’italiano la “lingua della libertà”. Sono stati inoltre nominati Consiglieri centrali della Dante, con voto unanime all’assemblea, anche Maria Maddalena Buoninconti, Marco Tarquinio, Pierluigi Vercesi, Anita Virga, Giulio Clamer e Giuseppe De Rita. Numerosi gli interventi. I Presidenti dei Comitati hanno raccontato il loro impegno totale in questo anno terribile di pandemia che ha creato isolamenti, ma che non ha bloccato l’attività in difesa della lingua e della cultura italiane. Tutti, con modalità diverse, ma con uguale passione ed entusiasmo, hanno celebrato il Dantedì e promosso varie iniziative in streaming.

Il Comitato di Taranto ha coinvolto gli studenti dei licei, tramite i professori iscritti al Comitato che hanno risposto realizzando video e power point pregevoli per creatività e competenza dantesca. Procedono, inoltre, gli incontri virtuali. Mercoledì scorso Grazia Distaso, presidente del Comitato di Trani della Dante Alighieri, già docente di Letteratura italiana e preside della Facoltà di Lettere dell’Università di Bari, nonché preside del Corso di Laurea in Beni Culturali di Taranto, ha tenuto una approfondita “Lectura” del canto XXIII del Paradiso. In questa occasione si è collegato il Comitato della Dante Alighieri di Mosca con la sua presidente, Natalia Nikishkina. L’anno sociale è iniziato con la “lectio magistralis” del preside Paolo De Stefano, presidente onorario della Dante, su “Il mondo cosmico in Dante e Pascoli” cui ha fatto seguito, qualche giorno dopo, la conferenza del socio dottor Nicola Baldi intitolata: “Si racconta di come Dante studiò medicina”. Il prossimo appuntamento sarà con il professor Giulio Ferroni che illustrerà il suo libro “L’Italia di Dante” (La Nave di Teseo), vincitore del Premio Viareggio per la Saggistica 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche