19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

Cultura News

Premio Leogrande: cinque i titoli candidati alla vittoria

foto di Premio Leogrande
Premio Leogrande

Sarà reso noto domenica, 11 aprile, in diretta sulla pagina Facebook dei presidi del libro, il nome del vincitore della V edizione del “Premio Alessandro Leogrande2 organizzato in collaborazione con la Regione Puglia e dedicato al giornalismo letterario d’inchiesta. Alle 18, l’assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Puglia, Massimo Bray e la presidente dei Presìdi del libro, Anna Maria Montinaro, annunceranno l’autore e il libro che si sono aggiudicati il riconoscimento di quest’anno nel corso di un incontro con i concorrenti condotto da Marino Sinibaldi.

Cinque i titoli – candidati dai partecipanti alla gara nel 2020 e votati dai gruppi lettura dei presìdi italiani – che attendono di conoscere il giudizio dei lettori dopo averli incontrati virtualmente in una rassegna online dedicata. Tra di essi, La città dei vivi (Einaudi) di Nicola Lagioia proposto da Annalisa Camilli, un romanzo-verità sull’omicidio Varani. Protagonisti non solo gli esecutori dell’efferato delitto ma anche Roma, con le sue contraddizioni e il suo fascino e l’autore stesso che non smette mai di interrogarsi su valori e senso di responsabilità. Fabio Ciconte e Stefano Liberti candidano Progettare la lentezza (People), il libro di Paolo Pileri che indica un modello di vita alternativo alla frenesia imperante. Secondo l’autore, concettualizzare la lentezza è fondamentale per stimolare un progetto politico che la metta al centro dello sviluppo sostenibile del paese.

A un passo da Provenzano. Una storia nascosta nella trattativa Stato-mafia (UTET) di Giampiero Calapà è il titolo posto in lizza da Claudio Loiodice e Dania Mondini. L’autore tenta di far luce su una vicenda che si dipana lungo trent’anni di storia italiana, fra uomini senza pietà, operazioni di polizia, depistaggi e trattative, in una Sicilia rurale votata al sangue. Francesca Mannocchi segnala Il focolaio. Da Bergamo al contagio nazionale (Editori Laterza) di Francesca Nava, un testo che investiga gli sbagli che hanno contribuito al fallimento delle strategie di contenimento del virus in una provincia che l’autrice conosce bene per esserci nata e vissuta. Ultimo libro in concorso Salutiamo, amico (Giunti) di Gianfrancesco Turano segnalato dal vincitore dell’edizione 2020, Sergio Ramazzotti. L’autore racconta la cruenta rivolta del 1970 a Reggio Calabria contro la designazione di Catanzaro a capoluogo attraverso la voce di due tredicenni che prendono consapevolezza del loro mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche