25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Settembre 2021 alle 07:15:05

News Provincia di Taranto

Vandali nella chiesa Madonna di tutte le Grazie a Massafra

foto di Vandali nella chiesa Madonna di tutte le Grazie a Massafra
Vandali nella chiesa Madonna di tutte le Grazie a Massafra

MASSAFRA -Atti di vandalismo contro la chiesa Madonna di tutte le Grazie, in località Capo di Gravina. Il parroco don Fernando Balestra, ha informato l’Archeogruppo “E. Jacovelli” che il 4 aprile scorso ignoti hanno sfondato il portone della chiesa. I soci del sodalizio culturale hanno potuto constatare che attraverso un varco aperto nel portone, ignoti si sono introdotti nella chiesa. Sono state portate via quindici sedie, poi rinvenute all’esterno, che sono servite per bivaccare a ragazzi e ragazze. Sono stati informati i carabinieri della Stazione di Massafra ed è stata sporta denuncia nei confronti degli autori dei fatti.

“I militari dell’Arma hanno eseguito un sopralluogo constatando la presenza di giovani che, alla vista dell’auto di servizio, si sono dati alla fuga sulla scalinata che conduce in cittàdice Cosimo Damiano Simone, presidente dell’Archeogruppo “E. Jacovelli”- il giorno dopo i soci dell’Archeogruppo hanno messo in sicurezza il portone d’ingresso della chiesa. All’arrivo sul posto erano nuovamente presenti i giovani che scoperti si sono allontanati nuovamente in tutta fretta. Questo non è il primo atto vandalico di cui è vittima la chiesa Madonna di tutte le Grazie. Il 21 maggio del 2020 aveva subìto danni a opera di ignoti a suo tempo denunciati dallo stesso parroco. La difficoltà a tutelare il bene aveva spinto a rimuovere tutti gli arredi e le opere sacre (depositate temporaneamente nella chiesa di Gesù Bambino) . Inoltre è stata sottoscritta una convenzione (25 novembre 2020), attraverso la quale il parroco pro tempore della parrocchia S. Lorenzo Martire di Massafra, ha concesso all’Archeogruppo di poter utilizzare la chiesa Madonna di tutte le Grazie quale sede principale delle proprie attività di natura culturale nonché di collaborare alla redazione di un progetto di recupero della chiesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche