16 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Maggio 2021 alle 15:41:06

Cronaca News

Operaio licenziato da Arcelor Mittal, sit in a Roma e a Taranto

foto di Andrea Orlando
Andrea Orlando

Mentre il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha chiesto ad ArcelorMittal ulteriori spiegazioni sul licenziamento dell’operaio per un post Fb sulla fiction “Svegliati amore mio”, ritenuto offensivo verso l’azienda, l’Usb e altre sigle sindacali si preparano ad una doppia protesta, una a Taranto e l’altra a Roma.

La multinazionale in una nota aveva spiegato di “aver fornito al ministro Orlando le spiegazioni richieste riguardo al licenziamento dell’operaio di Taranto”. Ma per Ministero del Lavoro l’invio della contestazione disciplinare “non rappresenta e non esaurisce la richiesta di chiarimento rivolta al management dell’azienda”. Intanto, giovedì 15 aprile alle 9, a Roma, una delegazione di lavoratori ha aderito all’iniziativa dell’Usb provinciale di Taranto, guidato dal coordinatore Franco Rizzo. Ci sarà anche il lavoratore licenziato, Riccardo Cristello.

Mentre domani, 14 aprile, davanti ai cancelli dell’acciaieria, ci sarà un presidio permanente, a partire dalle 7, con i lavoratori che aderiranno allo sciopero. In occasione della manifestazione il Consorzio Autotrasportatori Tarantini (Cat) schiererà i mezzi sulla Statale Appia in prossimità dell’ingresso dello stabilimento. Intanto l’Usb nazionale ha fatto partire una raccolta firme contro il licenziamento di Cristello. All’operaio stanno giungendo numerose attestazioni di solidarietà da parte delle rsu dello stabilimento genovese che “osserveranno un’ora di sciopero per testimoniare la propria vicinanza al dipendente licenziato e alla sua famiglia.

L’associazione “Guido Rossa”, in un comunicato, esprime “totale indignazione per l’inaccettabile comportamento dell’azienda”. Solidarietà anche da parte di Giustizia per Taranto, Peacelink, “Madonna delle Grazie” e della Confederazione Cobas Taranto attraverso Salvatore Stasi e Margherita Calderazzi. L’intera maggioranza del Consiglio comunale di Taranto ha sottoscritto un ordine del giorno per esprimere solidarietà al lavoratore licenziato da ArcelorMittal. Il documento, che riporta in calce le firme di tutti i consiglieri comunali che sostengono l’esecutivo guidato da Rinaldo Melucci, contiene “la ferma condanna nei confronti dell’azione disciplinare posta in essere dal gestore dello stabilimento ex Ilva” e l’invito all’azienda “a ritornare sui propri passi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche