06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

News Provincia

Finanziato a Carosino il progetto “Aquilone della Pace”

foto di Il Palazzo di città di Carosino
Il Palazzo di città di Carosino

CAROSINO – “Un altro successo messo a punto, grazie ad un brillante lavoro di squadra: il progetto L’Aquilone della Pace è stato, infatti, ammesso al finanziamento regionale di 40.000 euro per la realizzazione di opere e servizi di Street Art con l’obiettivo di valorizzare e rilanciare beni patrimoniali che possano ridiventare luoghi di incontro e scambio culturale”. Così in una nota a firma del sindaco Onofrio Di Cillo “Un progetto ambizioso, che porterà alla riconversione di un rudere abbandonato da anni all’interno del parco pubblico comunale, ossia l’anfiteatro – dice il primo cittadino- tale progetto non ha in sé solo il genio dell’arte o della revisione di un’area dismessa, bensì coinvolgerà istituti scolastici, associazioni e privati cittadini, attraverso una serie di incontri e di confronti di cui l’Amministrazione Comunale terrà conto per giungere ad una sintesi delle idee progettuali.

La struttura, oltre ad essere un contenitore culturale inserito nel verde pubblico, diverrà una vera e propria opera d’arte, giacché il murales che sarà realizzato, anche grazie all’ausilio di una illuminazione creata ad hoc, sarà il fulcro del parco pubblico. E’ un obiettivo importantissimo tra quelli raggiunti, che consente alla nostra comunità di vivere, ancora una volta, il senso dell’Amministrazione condivisa: questo progetto non presenta soltanto un aspetto tecnico e artistico, merito dei dirigenti o della parte politica, ma coinvolge l’intera cittadinanza, data l’importanza della struttura che andremo a riqualificare, all’interno di un ampio progetto di restyling del parco pubblico, anche e soprattutto dal punto di vista culturale e delle scelte che avranno ricadute a lungo termine sull’intera comunità carosinese. Ci auguriamo che i nostri concittadini- conclude il sindaco Di Cillo- possano ritornare a “vivere” quello spazio pubblico, che era tra i principali obbiettivi di riqualificazione di questa amministrazione, spazio che era ormai abbandonato da troppi anni ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche