13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Luca Lazzàro
Luca Lazzàro

BARI – “Psr, per ottimizzare la spesa serve rapida ricognizione sulle domande. È necessario che si tenga conto del nuovo scenario economico e sociale, molto diverso da quello nel quale le aziende hanno presentato le istanze”. Così in una nota stampa il presidente di Confagricoltura Puglia, Luca Lazzàro.

“Le prospettive della maggior parte delle aziende che hanno presentato progetti finanziati dal Psr Puglia sono radicalmente cambiate perché è radicalmente cambiato il quadro complessivo. È il momento delle scelte. È il momento di decidere dove indirizzare al meglio le nuove risorse del Programma di sviluppo rurale- sottolinea Lazzàro – siamo “al momento di svolta” per l’agricoltura pugliese grazie alle dotazioni di risorse che rivengono dal regolamento transitorio e dal Next Generation EU, che per la Puglia dovrebbero ammontare ad una cifra superiore ai 500 milioni di euro. La risorsa costituisce una possibilità unica quanto inattesa di porre un decisivo colpo di spugna alle problematiche che hanno attanagliato il PSR dal 2016 a oggi. Non da ultimo la tagliola dei livelli di spesa fissati dalla commissione europea per la concessione dell’ultima deroga.

“Tuttavia – dice – è necessario che si tenga conto del nuovo scenario economico e sociale, molto diverso da quello nel quale le aziende hanno presentato le domande. Purtroppo, una sostanziale percentuale di aziende che hanno presentato le domande cinque anni fa non esiste più oppure ha ridimensionato di molto le proprie prospettive di crescita. Ecco perché, fatto salvo il buon lavoro che sta portando avanti l’assessore all’Agricoltura Donato Pentassuglia, si dovrebbe iniziare dall’analizzare l’attuale contesto; contesto che tiene in esame principalmente e ovviamente le misure più importanti, ovvero la misura 4.1.A – Il pacchetto giovani – la misura 4.1.C – la misura 4.2”. Confagricoltura Puglia esamina ed elenca i motivi che hanno portato alla riduzione della capacità di spesa delle aziende agricole, tra questi: l’avanzamento della Xylella fastidiosa che ha indebolito fortemente l’agricoltura salentina; le gelate del 2018 che hanno distrutto circa 90mila ettari della produzione olivicola del barese e del sud-foggiano; il recepimento di forme di finanziamento alternative al PSR come i contratti di filiera e il credito di imposta; l’emergenza epidemiologica ed economica Covid 19. “Oggi – conclude Lazzàro – è necessaria l’attivazione immediata di una ricognizione puntuale su tutti i proponenti delle misure strategiche che abbia l’obiettivo di individuare sia la mortalità che l’effettiva capacità di spesa. Ricognizione, da concludersi entro massimo un mese, che, al netto del mantenimento dei punteggi conseguiti, consenta di poter rimodulare gli investimenti previsti e valutare eventuali rinunce”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche