27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2021 alle 22:44:00

foto di Kyma Ambiente, grandi pulizie
Kyma Ambiente, grandi pulizie

Sono state avviate ieri mattina le operazioni di pulizia del sottopasso della Strada Statale 172 Martina Franca Taranto, all’altezza dello svincolo per Statte, che presentava grosse quantità di rifiuti abbandonati, tra cui numerosi ingombranti. Il tratto di strada interessato – si precisa da Kyma Ambiente Amiu – non è di competenza del Comune di Taranto, in quanto extraurbano, ma grazie all’accordo con Anas, e alle indicazioni del sindaco Rinaldo Melucci, è stato possibile procedere con le attività di rimozione di tutto il materiale accatastato ai lati della carreggiata.

Gli interventi realizzati dal personale Anas, col supporto dei mezzi Kyma Ambiente, proseguiranno anche nelle prossime ore, al fine di riportare il decoro in uno dei punti di accesso alla città spesso segnalato proprio per gli sversamenti illeciti di rifiuti. Gli stessi interventi verranno poi estesi anche ad altre aree. «Kyma Ambiente – ha dichiarato il presidente Giampiero Mancarelli, al termine del sopralluogo effettuato in mattinata – interviene anche sulle strade extraurbane non di competenza del Comune di Taranto. E questo per rispondere alle esigenze dei cittadini, che non sono interessati alle questioni sulla competenza di un tratto di strada ma solo alla pulizia e al decoro. Grazie all’accordo con Anas e su indicazione del sindaco Melucci, stiamo ripulendo il primo svincolo per Statte della SS172 che presentava condizioni indecorose. Continueremo anche su altre strade extraurbane per garantire pulizia e decoro. Siamo pronti all’installazione di nuove videotrappole, affinché questi gesti incivili non si ripetano».

Sabato mattina il presidente Giampiero Mancarelli, accompagnato dagli ispettori ambientali, ha effettuato un sopralluogo al quartiere Tamburi dopo l’ennesimo caso di abbandono di ingombranti. È stato infatti individuato l’uomo immortalato dalle videotrappole di Kyma Ambiente mentre lasciava un mobiletto accanto ai carrellati per la raccolta differenziata. Il presidente Mancarelli e gli ispettori ambientali si sono recati a casa del trasgressore, che adesso dovrà pagare una multa da 500 euro. Ma non solo. È stato anche costretto a riportarsi indietro ciò che aveva illecitamente buttato via. «Tarantini fatevi del bene – ha commentato il presidente Mancarelli -, quando avete degli ingombranti di cui disfarvi non lasciateli per strada. Non deturpate il decoro della città. Chiamare il numero verde 800013739 per il ritiro programmato e gratuito degli ingombranti direttamente a domicilio conviene. Stiamo posizionando sempre più videotrappole su tutto il territorio. Il rischio è che insieme alla multa siate anche costretti a riportarvi tutto a casa come è accaduto a questo signore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche