23 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2021 alle 22:39:00

Cronaca News

Apre i battenti a Taranto il primo mercato coperto di Campagna Amica

foto di A Taranto il primo mercato coperto di Campagna Amica
A Taranto il primo mercato coperto di Campagna Amica

Anche Taranto ha un mercato coperto di Campagna Amica di Coldiretti. È stato inaugurato mercoledì mattina, in Viale Virgilio 33 – angolo via Minniti. Un luogo in cui molte aziende dell’entroterra locale, circa una ventina, potranno valorizzare, oltre che promuovere, il consumo di prodotti genuini di stagione e a chilometro zero, quelli che dalla terra arrivano direttamente sulle nostre tavole. Sarà un vero e proprio salone della biodiversità a disposizione del consumatore.

Così, sul modello di quello brindisino di via Appia 226, che è stato il primo mercato coperto a essere inaugurato nel dicembre 2018 in Puglia, anche il food hub di Coldiretti e Campagna Amica a Taranto, nel cuore della città, diventa il luogo ideale per trovare cibo sano, frutta e verdura a km 0, verso i quali si orientano sempre di più le scelte dei consumatori, che ne apprezzano le proprietà salutistiche. Una tendenza, questa, che nella provincia tarantina, come in gran parte della Puglia, sta cambiando anche i criteri di scelta degli acquisti: per i consumatori la freschezza è l’elemento principale da prediligere, seguito dalla stagionalità e dal prezzo conveniente.

«L’inaugurazione del mercato coperto di Campagna Amica – spiegano da Coldiretti – è stata l’occasione per ufficializzare l’entrata in vigore, da meno di tre mesi, dell’etichetta d’origine Made in Italy su salami e prosciutti: sulle nostre tavole arrivano i primi würstel e mortadelle rigorosamente agricoli a chilometro zero. A presentare i ‘neonati’ dell’arte salumiera agricola, mercoledì mattina c’erano, assieme al presidente di Coldiretti Puglia Savino Muraglia e al presidente della Coldiretti di Taranto Alfonso Cavallo, anche l’assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e l’assessore all’Agricoltura del Comune di Taranto Fabrizio Manzulli. È intervenuto anche l’arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, il direttore nazionale della Fondazione Campagna Amica Carmelo Troccoli, con il direttore regionale di Coldiretti Pietro Piccioni e il direttore provinciale di Taranto Aldo Raffaele De Sario.

«In un momento difficile per la nostra economia – ha dichiarato Alfonso Cavallo – gli imprenditori agricoli non si sono mai fermati, portando sul mercato prodotti agroalimentari nuovi e di eccellenza, con il valore aggiunto della trasparenza e dell’origine Made in Italy in etichetta, per combattere la concorrenza sleale. La Murgia tarantina e l’intera provincia jonica, con il patrimonio zootecnico che vanta, hanno la responsabilità di svolgere un ruolo di apripista grazie alla qualità e alla sicurezza alimentare del cibo che solo i nostri contadini sanno produrre».

IL SALUTO DEL SINDACO AL PRIMO MERCATO COPERTO DI CAMPAGNA AMICA
Il sindaco Rinaldo Melucci ha portato il saluto dell’intera comunità ionica per l’inaugurazione del primo mercato coperto di Campagna Amica a Taranto, in viale Virgilio. Un luogo dove sperimentare la biodiversità delle produzioni agricole locali, scoprendo l’importanza di un settore che rappresenta un’importante occasione di diversificazione produttiva per l’area vasta tarantina. «Conosciamo l’impegno di Coldiretti nella promozione del territorio – ha spiegato il sindaco – per questo siamo convintamente al fianco del presidente Alfonso Cavallo, del direttore Aldo De Sario e di tutti i produttori, anche in questa nuova esperienza».

1 Commento
  1. Luigi 6 mesi ago
    Reply

    Tutto bello Madama la marchesa peccatto solo che, pur essendo a km 0 , quindi con costi di trasporto ridotti, questi prodotti siano più cari almeno del 30 per cento rispetto agli altri mercati e non venite a dire che sono biologici perché non è così, non c’è scritto da nessuna parte e non lo garantisce nessuno neppure la Coldiretti, mi dispiace ma é così, non prendiamoci in giro é solo un operazione di marcheting della Coldiretti per acquisire nuovi iscritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche