02 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2021 alle 08:54:00

foto di Liliana Dell’Aquila
Liliana Dell’Aquila

Ripartenza: parlano Liliana Dell’Aquila, proprietaria b&b a Laterza, e coordinatore turistico extralberghiero CasaImpresa Laterza e Giovanni Zappalà, presidente Booking Ginosa e componente di CasaImpresa Ginosa

Liliana Dell’Aquila qual’è il tempo di ripartenza?
“In realtà non ci siamo mai fermati in questo secondo lockdown, abbiamo tenuto aperta la nostra attività seppur a ritmi lentissimi e ovviamente non per ospitare i turisti. Soprattutto trasfertisti oppure lavoratori che risiedono in zona ma che, operando in ambiti professionali più esposti, come ospedali o rsa, hanno preferito alloggiare nella nostra struttura per tutelare le famiglie dal rischio di contagio. Chiaramente questo ha imposto ancora maggiore attenzione per la pulizia ed il rigoroso rispetto delle misure previste. Questo fenomeno si è verificato in maniera più importante nel mese di dicembre”.

Parliamo di fatturati
“Abbiamo registrato un calo importantissimo, di circa il 40% rispetto alla media del periodo (ottobreaprile). Gli incassi, piccoli numeri, hanno semplicemente permesso di tenere aperte le attività. Così come i ristori, ammontanti a 5.000 euro per il 2020 e 2.000 per il 2021, hanno consentito di coprire le spese vive che continuano ad esserci anche quando si lavora a regime ridotto”.

Come si preannuncia l’estate?
“Sono molto scettica soprattutto per le limitazioni orarie: imporre il coprifuoco alle 22,00, soprattutto dai noi al Sud, significa stroncare ogni possibilità di risalita dei numeri grazie alla bella stagione. Chi penserebbe di andare in vacanza in un luogo in cui bisogna stare chiusi nelle strutture nelle calde serate estive?Questo rappresenta un grosso limite anche rispetto allo scorso anno quando, nonostante tutte le incertezza, ma senza il coprifuoco, siamo riusciti a registrare dati interessanti. Segno questo del fatto che il trend positivo, che ha visto la Puglia in crescita fino al 2019 come flussi turistici, non deve essere assolutamente soffocato e mortificato da decisioni simili e, a mio avviso, anche discutibili con riferimento all’obiettivo del contenimento del contagio”.

Al momento ci sono prenotazioni per i prossimi mesi?
“Qualche prenotazione nei prossimi giorni ma per motivi di lavoro o famigliari, o con riferimento alla ripartenza del wedding tra luglio e agosto. Tutto al momento sembra essere estremamente precario. Ora attendiamo che si realizzi quanto annunciato dal Premier nelle ultime ore a proposito del Green Pass italiano, che consentirebbe ai turisti di viaggiare in sicurezza e a noi di accoglierli serenamente e di riprendere a lavorare a ritmi più normali”.

Giovanni Zappalà, componente di CasaImpresa Ginosa invece sottolinea: “Veniamo da un periodo decisamente complicato, circa il 10% delle presenze rispetto alle condizioni normali e, per il futuro, non fanno ben sperare le indicazioni relative agli orari di chiusura previsti fino a fine luglio”.

Cosa ci auguriamo?
“L’auspicio è senza dubbio che si intervenga su questo punto, dando la possibilità, sempre nel rispetto delle misure, di lavorare e attirare turisti sul nostro territorio, turisti che al momento purtroppo pensano di andare all’estero. Mentre in alcuni Paesi è tutto esaurito infatti, da noi la media delle prenotazioni per ogni struttura è solo di una settimana e non si tratta di turismo vero e proprio, ma per lo più di ginosini che ormai vivono fuori e tornano per un breve periodo estivo. In genere gli stranieri ci permettono di allungare la stagione, dal momento che scelgono, a differenza degli italiani, di sfruttare anche i mesi di maggio e settembre.

Qual è il sentimento diffuso tra gli albergatori?
“La preoccupazione lascia pian piano il passo alla speranza, alla luce di queste nuove prospettive (Green Pass). Direi che abbiamo buone speranze di salvare la stagione. Sappiamo intanto di poter contare sul valore indiscusso di un territorio unico come quello della gravina. E’ noto ormai che sono diverse le produzioni cinematografiche attirate proprio da questo scenario. Ovvio che tutto ciò va incentivato garantendo un contesto adeguato. Noi, come associazione BookingGinosa, faremo la nostra parte e inizieremo già in questi giorni con la promozione turistica e la stesura del calendario di attività culturali, sportive ed enogastronomiche da offrire agli ospiti. Tra le attività proporremo anche visite guidate nelle località vicine, Laterza, Castellaneta, Mottola, Matera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche