16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 07:01:57

Basket News Sport

CJ Taranto subito in campo per cercare il bis

foto di CJ Taranto
CJ Taranto

Nemmeno il tempo di godersi l’esordio storico e positivo con la prima storica vittoria in un playoff di serie B per il CJ Basket Taranto che è già tempo di tornare sul parquet. A 48 ore di distanza dall’87-74 rifilato in gara 1 alla Goldengas Senigallia sarà di nuovo palla a due al Palafiom per il secondo match dei quarti di finale della post season del campionato cadetto targato Old Wild West. Alle ore 18 rossoblu e biancorossi si sfideranno ancora una volta.

Per Taranto la possibilità di guadagnarsi, vincendo un match point da giocarsi poi venerdì nelle Marche dove la serie si sposterà per gara 3 e l’eventuale gara 4 che ovviamente Stanic e compagni vogliono evitare. L’87-74 finale non rende l’idea dell’andamento di gara 1, equilibrata per i primi due quarti ma che poi Taranto ha saputo mettere sui propri binari alzando il ritmo e la precisione delle giocate con un Diomede in grande spolvero da tre punti (7/10). Davide Olive però non si fida. Ecco la sua analisi.

Coach, Senigallia ha creato qualche problema ma voi ne siete usciti alla grande dopo l’intervallo.
Lo avevamo messo in preventivo, Senigallia ha una squadra con giocatori di categoria che fanno questo campionato da più di 20 anni come Pierantoni e Gurini, gente che sa come si gioca a pallacanestro. La nostra circolazione di palla in attacco era un pochino lenta e abbiamo avvantaggiato il fatto che loro sono una squadra che di esperienza riesce a difendere tanto e sa chiudere gli spazi; quando abbiamo alzato i giri della gara quando abbiamo alzato l’intensità e siamo andati in campo aperto sapevamo che qualche loro giocatore avrebbe avuto difficoltà nel mantenere questi ritmi e là credo che si sia decisa la gara quando abbiamo alzato i ritmi tra fine del secondo quarto e inizi del terzo. Così facendo ho avuto la possibilità di risparmiare qualche giocatore in previsione di gara 2 che si gioca fra 48 ore anche perché vincere di uno o vincere diventi non cambia assolutamente nulla e poi è sempre importante avere delle soluzioni pronte dalla panchina.

Diomede ha fatto la differenza, cosa si può dire di questo giocatore preso per fare il salto di qualità?
Manuel è un giocatore straordinario che io ho provato da tanti anni a portare nelle mie squadre, ci siamo riusciti quest’anno col CJ e sapevamo che è un giocatore di assoluta qualità. Purtroppo quando è arrivato non era nelle condizioni fisiche ideali per dare il suo contributo da subito però si è messo a disposizione e a lavorare dal primo giorno e ha lavorato veramente come un animale e sapevamo che avrebbe raggiunto prima o poi risultati, inoltre lui ai play-off sente l’odore del sangue, sportivamente parlando, quindi diventa un giocatore assolutamente di spessore.

Cosa ti aspetti da gara 2 così a breve distanza?
Credo che loro proveranno ancora di più ad abbassare i ritmi per non farci correre ed evitare quei momenti di gara 1 in cui noi abbiamo fatto il break decisivo, magari alternando un po’ di più le difese come hanno fatto oggi provando a giocarsela con un numero di possesso un pochino più basso. Ma questo è compito di coach Ruini, noi dobbiamo pensare a fare bene come domenica, magari ancora meglio per andare 2-0 nella serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche