16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 10:30:59

FOTO DI Torna il Festival della Valle d’Itria
Torna il Festival della Valle d’Itria

MARTINA FRANCA – “Fiat lux” è il titolo della quarantasettesima edizione del Festival della Valle d’Itria che si svolgerà dal 17 luglio al 5 agosto a Martina Franca.Venti, in tutto, le serate in programma sui palcoscenici di Palazzo Ducale, del Chiostro di San Domenico e delle antiche masserie della Valle, tutte organizzate nel pieno rispetto dei protocolli anti-Covid.

Venti serate durante le quali si alterneranno i grandi nomi della lirica fra rari titoli d’opera, oratori, recital e concerti sinfonici in un cartellone ideato dal direttore artistico, Alberto Triola e dal direttore musicale, Fabio Luisi e approvato dalla Fondazione Paolo Grassi, ente promotore del Festival, presieduta da Franco Punzi. «Il cartellone – commenta Alberto Triola – delinea un leggibilissimo percorso storico e culturale che prende le mosse dal barocco napoletano di Alessandro Scarlatti e Nicola Porpora per arrivare al Classicismo viennese di Haydn e quindi fino a Schubert. Ma le opere musicali proposte aprono ad una lettura in cui possono essere trovati agganci e rimandi alla condizione attuale in cui l’uomo e le società si stanno dibattendo, a partire dall’evidenza più lampante: “Fiat lux” è quel nuovo inizio, dato dalla necessità impellente di un’autentica ri-creazione del mondo che presuppone il fallimento, il naufragio e di conseguenza l’abbandono di quello fino ad oggi conosciuto che ci si rivela ad un tratto irrimediabilmente e sorprendentemente vecchio o che, dualmente, fa scoprire noi tragicamente inadeguati». Come da tradizione, la serata inaugurale dell’edizione 2021 del Festival si svolgerà nell’Atrio del Palazzo Ducale.

Il primo titolo in cartellone è “La Creazione di Franz Joseph Haydn” (17, 23 e 31 luglio), affidata alla bacchetta di Fabio Luisi e proposta nella versione in italiano a cura di Dario Del Corno, rivista per l’occasione da Filippo Del Corno. A Martina Franca l’oratorio di Haydn, su libretto del barone Gottfried van Swieten, sarà presentato in forma scenica con la regia di Fabio Ceresa, le scene di Tiziano Santi e i costumi di Gianluca Falaschi. Per questa produzione si rinnova la collaborazione con l’Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, mentre debutta a Martina Franca il Coro Ghislieri, gruppo in residenza permanente al Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri di Pavia, considerato oggi una della realtà italiane più originali nel campo della musica storicamente informata, diretto da Giulio Prandi. Nel cast nel ruolo di Rafael Alessio Arduini, per la coppia Adamo ed Eva, due giovani artisti dell’Accademia del Belcanto “Rodolfo Celletti”: il baritono catalano Jan Antem e il soprano Sabrina Sanza. Le coreografie saranno eseguire dai danzatori della Fattoria Vittadini. È già aperta la vendita dei biglietti sul sito www.festivaldellavalleditria. it, su Vivaticket e negli oltre suoi 700 punti vendita presenti in tutta Italia. I biglietti avranno un costo da 20 a 70 euro. È attiva per tutti gli spettacoli, ad eccezione della serata inaugurale, la riduzione del 50% per i residenti di Martina Franca e per gli under 30. Confermata la riduzione del 20% per gli over 65 e per i gruppi. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21 salvo disposizioni governative legate al contenimento della pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche