17 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Giugno 2021 alle 07:03:25


GROTTAGLIE – Il segretario del Partito Democratico di Grottaglie Francesco Montedoro ed il consigliere regionale del Pd, Vincenzo Di Gregorio, hanno incontrato, in questi giorni, il Comitato per l’Ospedale San Marco di Grottaglie per discutere del percorso intrapreso relativo alla costruzione del progetto per l’Ospedale di Comunità. Il Comitato ha voluto precisare che già negli anni scorsi, nell’ottica di una proposta per le future sorti del nosocomio grottagliese, era stata prospettata alla Direzione Generale e ai vertici dell’Asl di Taranto la necessità di un Ospedale di Comunità così come sorto nel territorio di Massafra.

Tale progetto, tuttavia, non era andato in porto a causa della mancata disponibilità di medici di base a parteciparvi e a causa di differenti vedute sulla composizione della struttura dello stesso con la Asl tarantina. “Prendiamo atto- ha spiegato il Comitato – che vi è un ritorno di attenzione attorno a questo tema così importante soprattutto in questo momento in cui dobbiamo porci il problema della salute pubblica nel post pandemia da Covid-19. Siamo contenti che vi è finalmente la consapevolezza della necessità di tale presidio territoriale sia da parte dei medici di famiglia che della stessa azienda sanitaria locale. Noi, come sempre, mettiamo a disposizione le nostre competenze e le nostre esperienze per arrivare uniti a raggiungere questo obiettivo”. Vincenzo Di Gregorio ha ringraziato il Comitato per la sua disponibilità e per quello che ha fatto in questi anni per la salute pubblica del territorio.

“Possiamo scrivere una pagina nuova per l’ambito territoriale della provincia di Taranto – ha sottolineato- se vi è sinergia con tutti gli operatori del settore e con i cittadini rappresentati dal Comitato”. Francesco Montedoro ha dichiarato: “finalmente anche a Grottaglie si parla di medicina del territorio. Siamo soddisfatti che tutti gli operatori in campo siano arrivati alla consapevolezza che è necessario costruire la sanità post pandemia e dobbiamo farlo oggi. Ci si è resi conto che solo attraverso la collaborazione di tutti è possibile rispondere in maniera adeguata alla richiesta di salute pubblica del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche