16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 07:01:57

Cronaca News

L’appello del Comune di Taranto: donate l’abito nuziale

foto La manifestazione per chiedere la ripartenza del settore wedding
La manifestazione per chiedere la ripartenza del settore wedding

Regala, a chi non può permetterselo, l’abito nuziale». È l’appello lanciato dall’amministrazione comunale qualche settimana fa per cercare di spingere le coppie tarantine meno abbienti verso il fatidico “sì”.

LA CRISI DEL SETTORE
L’invito dell’assessorato ai Servizi Sociali è arrivato proprio nei giorni in cui, i rappresentanti del comparto e della filiera del wedding, hanno esposto le loro idee per una ripartenza in sicurezza agli assessori regionali Pier Luigi Lopalco (Sanità) e Alessandro Delli Noci (Sviluppo economico). Quello del wedding è uno dei tanti settori messi in ginocchio dalla pandemia.

LE PROTESTE.
Sono stati mesi difficili per il settore che, anche a Taranto, lo scorso 26 marzo è sceso in piazza. L’indotto del wedding ha manifestato nelle piazze italiane per chiedere certezze per ripartire. La mobilitazione è stata organizzata dalla Confcommercio. Nel capoluogo jonico gli operatori si sono ritrovati per una manifestazione simbolica sulla Rotonda del Lungomare.

L’APPELLO DELL’ASSESSORE FICOCELLI.
«Vogliamo lanciare una iniziativa – ha spiegato l’assessore ai Servizi Sociali Gabriella Ficocelli – a favore di quelle donne che non hanno la possibilità di acquistare l’abito da sposa. E allora chiediamo di donare l’abito che hanno indossato una sola volta a chi non può affrontare quella spesa. Quante vorranno aiutarci potranno portare l’abito nunziale in piazza Catanzaro n. 66 Centro Polivalente dei Servizi Sociali il mercoledì dalle 15 alle 17. Grazie a quante vorranno donare».

SI RIPARTE IL 15 GIUGNO.
Intanto, seguendo il calendario delle riaperture annunciato dal Governo, tornano i matrimoni e riparte il settore wedding, uno tra i più colpiti dalla crisi innescata dal Covid. Le feste, comprese quelle dopo cerimonie civili e religiose, ripartiranno dal 15 giugno, anche al chiuso. Agli ospiti sarà richiesto il “green pass” e il Cts avvierà ulteriori approfondimenti sul numero massimo degli invitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche