23 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca News

Battaglini alle Olimpiadi, gara di matematica in tempo di Covid

Il Battaglini
Il Battaglini

Nei giorni scorsi si è concluso un altro anno di Olimpiadi della Matematica, con la premiazione nazionale, quest’anno, come lo scorso, purtroppo, online. «E’ stato un anno difficilissimo, per studenti ed insegnanti, più difficile dello scorso anno, sia perché lo scorso anno ci aveva regalato comunque una gara di Archimede e una gara provinciale singolaristi in presenza sia perché avevamo tutti la speranza che sarebbe passato tutto molto presto».

«Quest’anno – osservano dal liceo Battaglini – sarebbe stato quindi facile gettare la spugna, come molte scuole hanno fatto, ma quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare e quindi noi, alunni e docenti del Battaglini non si sono arresi. Hanno svolto lezioni e gare (sin dalla gara di Archimede) tutte a distanza, con problemi di server nazionali che non sempre reggevano, con il sonno che alcune volte veniva stando davanti al computer». «Ma come dicevano i saggi ‘chi la dura la vince’ e quindi anche in quest’anno difficile i risultati sono arrivati: per i singolaristi l’alunno Antonio Giulio D’antona ha conquistato una medaglia di bronzo e le due squadre, quella femminile e quella maschile sono arrivate in finalissima nazionale, raggiungendo dei buoni piazzamenti. Alla fine della premiazione o delle gare finali, (queste ultime svolte in presenza dato l’esiguo numero di allievi di partecipanti e la necessità della dovuta sorveglianza) sono mancati gli abbracci, la pizza serale finale, la spaghettata di mezzanotte a Cesenatico, così come la corsa il giorno successivo in Presidenza per condividere la gioia con la Dirigente.

Ma l’emozione è stata intatta, anzi forse più forte, dopo un anno così duro». «Quindi le più grandi congratulazioni ai ragazzi del Battaglini: ai singolaristi Giulio D’antona, ma anche a Gabriele Quaranta, che pur non conquistando medaglia ha ricevuto la menzione d’onore per aver svolto un quesito interamente perfetto, e ai componenti delle due squadre: per la femminile Federica Elia, Giulia Lapomarda, Claudia Marchisella, Claudia Novellino, Claudia Miano, Paola Simeone e Francesca Vacca e per la maschile Davide Accoto, Vincenzo Cervellera, Giulio D’antona Giulio, Christian Galante, Andrea Maggi, Francesco Oliva e Gabriele Quaranta. Prima di concludere citiamo un pezzo della lettera che il Ministro dell’Istruzione ha inviato a chi ha sostenuto le prove olimpiche. “Il numero dei partecipanti alle Olimpiadi è una significativa testimonianza dell’atteggiamento propositivo innovativo di alunni e docenti. Grazie del vostro impegno, costituisce una grande premessa per i futuro! Ognuno di voi quest’anno si è messo in gioco non solo nelle varie discipline, ma anche su aspetti nuovi, quali lo svolgimento della didattica e delle stesse gare a distanza. E’ proprio nel mettersi in gioco, intanto con sé stessi e con gli altri, il significato più autentico delle Olimpiadi e del concetto stesso di “ competere” appunto un “ andare insieme”, in cui il merito di ciascuno non lasci indietro nessuno e il talento di tutti i rappresenti la forza di migliorare la nostra scuola e la nostra società“.

Infine i docenti del Battaglini che si sono impegnati nella preparazione degli studenti: prof.ssa Abbamonte, prof. Paolo Pantano, prof.ssa Serafica e prof. Valentini ringraziano «tutti gli splendidi ragazzi che in quest’anno si sono impegnati nel Progetto e la loro dirigente dott.ssa Patrizia Arzeni, che da sempre è stata particolarmente sensibile alla valorizzazione delle eccellenze matematiche». «I risultati conseguiti sono i risultati di tutto il gruppo e del lavoro capillare che è stato fatto da tutta la comunità scolastica del Liceo Battaglini nonostante la pandemia». Taranto Buonasera, come sempre, rivolge le più vive congratulazioni alla comunità del Battaglini e in particolare ai ragazzi vincitori, che portano in alto in tutta Italia il nome della Scuola e della nostra città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche