25 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Giugno 2021 alle 18:55:18

Attualità News

Posturologia: di cosa si tratta e perché è utile

foto di Difetti di postura
Difetti di postura

La Posturologia è quella branca della medicina che studia i rapporti tra la postura del corpo e determinate Patologie Algiche che derivano da un errato assetto posturale. I vari recettori del corpo (occhi, bocca, orecchio, apparato muscolo-scheletrico, piedi), se squilibrati, alterano la postura dell’individuo causando posizioni corporee scorrette che, se in un primo tempo risultano anche asintomatiche, nel tempo potrebbero causare dolori riferibili anche e/o solamente in altri apparati corporei lontani dal distretto in disfunzione. Una disfunzione posturale può alterare il funzionamento del corpo umano e viceversa un’alterazione somatica (di tipo traumatico, da stress o congenita) si può manifestare in un atteggiamento posturale scorretto.

La postura è la posizione che assume il corpo nello spazio e la relazione spaziale tra le varie parti del corpo (es. arti, schiena, collo, testa) al fine di garantire la posizione eretta e il movimento (funzione anti-gravitaria statica e dinamica). Una postura corretta è importante al fine di consentire un buon equilibrio in piedi, durante il cammino e qualsiasi movimento della vita quotidiana, evitando che muscoli e articolazioni lavorino in modo sproporzionato rispetto alle loro capacità. Ciò si traduce in un rallentamento dell’usura delle parti sollecitate, riduzione dei processi infiammatori e quindi del dolore, nonché rallentamento dei fenomeni artrosicidegenerativi. La Posturologia, avvalendosi di analisi clinica e strumentale, è in grado di individuare la causa della problematica che si manifesta in un sintomo (mal di schiena, mal di testa, dolori osteoarticolari, disfunzioni recettoriali). Individuata la causa, la Posturologia, è in grado di prescrivere il protocollo di intervento per la risoluzione della disfunzione, indirizzando il paziente verso la terapia più idonea per trattare il problema che genera il sintomo causa di un disagio. La Posturologia si compone di un approccio interdisciplinare integrato tra varie figure quali ortottisti, dentisti, otorini, fisioterapisti, osteopati, podologi, chinesiologi, psicologi, ecc. valutando la postura in relazione agli aspetti biomeccanici, neurofisiologici e psicosomatici.

La biomeccanica posturale prende in considerazione il sistema muscoloscheletrico, valutando il tono e l’equilibrio delle catene muscolari. Un muscolo iperteso o debole può alterare tutta la catena muscolare dove è inserito mettendo in disfunzione la postura nel suo insieme, manifestando sintomi anche a distanza. Per esempio, una lassità della pianta del piede (piede piatto) può essere la causa di un mal di schiena. In merito alla neurofisiologia posturale, la posturologia, considera il funzionamento e l’equilibrio dei vari recettori posturali quali:

  • l’occhio: disturbi della visione, miopia, presbiopia, astigmatismo, strabismo, ecc.;
  • la bocca: malocclusioni, disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare, disturbi della deglutizione, ecc.;
  • l’orecchio: vertigini, acufeni, capogiri, ecc.;
  • il piede: disturbi della propriocezione, equilibrio, mobilità, ecc.;
  • la pelle: cicatrici, aderenze, ecc.;
  • i visceri: disturbi della digestione, riflessi somato-vicerali, disturbi urogenitali. Psicosomatica e posturologia oggi, inoltre, devono essere considerati come un aspetto integrato. Stress emotivi, ansia, depressione, fobie, sbalzi di umore, possono alterare la postura e viceversa, alterazioni posturali si possono manifestare come un disturbo psicosomatico.

L’analisi posturale, effettuata da un posturologo (figura specializzata tramite master), si avvale dell’anamnesi del paziente (età, peso, altezza, patologie, tipo di lavoro, ecc.), di strumenti e test specifici con lo scopo di analizzare le varie disfunzioni ed arrivare alla causa di alterazione del sistema posturale per intraprendere la giusta strategia terapeutica. La posturologia è indicata, tra l’altro, nel trattamento di:

  • Cefalee; • Dolori cervicali;
  • Mal di schiena;
  • Scoliosi;
  • Tensioni muscolari;
  • Disturbi articolari;
  • Instabilità;
  • Vertigini;
  • Nevralgie;
  • Disturbi della masticazione.

In conclusione, la posturologia è una grande branca trasversale della medicina dalle potenzialità sorprendenti. La sua applicazione trova spazio in numerosi settori: lavoro/studio, attività fisico-sportiva, vita di tutti i giorni. Per lo sport di alto livello ad esempio sappiamo bene quanto un organismo debba funzionare alla perfezione per poter rendere al massimo. Un corpo fortemente squilibrato d’altro canto, creerà le premesse per una resa non ottimale ed in ultima analisi per l’infortunio. Il lavoro d’equipe, tanto auspicato ma sempre di difficile attuazione, è veramente una risorsa nella risoluzione delle problematiche posturali ed il posturologo diventa una figura centrale e di riferimento all’interno del gruppo di lavoro.

Dr.ssa Milena Lippolis
Fisioterapista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche