14 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Giugno 2021 alle 08:14:58

Attualità News

Bambino Thalassemico, patto d’intesa tra l’associazione Onlus e il Comune di Taranto

foto di Bambino Thalassemico, patto d’intesa tra l’associazione Onlus e il Comune di Taranto
Bambino Thalassemico, patto d’intesa tra l’associazione Onlus e il Comune di Taranto

È stato firmato un protocollo d’intesa tra il Comune di Taranto e l’associazione Onlus Bambino Thalassemico, rappresentata dalla presidente, Gabriella Bruno (nella foto a sinistra insieme al sindaco, Rinaldo Melucci).

Proposto da Gabriella Ficocelli, assessore ai Servizi Sociali, il protocollo ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso una campagna di conoscenza e di prevenzione della malattia, l’anemia mediterranea, che nei bambini generalmente si manifesta attorno al quinto o sesto mese di vita. L’Amministrazione comunale, inoltre, insieme all’associazione si impegnerà a a far sì che i diritti dei Thalassemici siano tutelati sia in ambito di protezione sanitaria, che civile e penale. Il protocollo prevede anche l’organizzazione di attività finalizzate alla prevenzione della malattia, all’informazione e al sostegno delle giovani coppie, con uno sguardo particolarmente attento verso iniziative capaci di sensibilizzare alla donazione del sangue.

Al contrario di quanto si pensa, infatti, prevenire la talassemia è possibile: è una malattia ereditaria che può essere trasmessa dai genitori, se portatori sani di talassemia, ai figli. Di conseguenza, è sufficiente – oltre che fondamentale – sapere se si è portatori sani della patologia o malati per evitare che questo avvenga. Attraverso la prevenzione, dunque, è possibile frenare la diffusione della malattia che, tuttavia, non è semplicissimo prevenire perchè molte persone, ancora oggi, ignorano di esserne portatori sani. Basterebbe che ognuno di noi si sottoponesse agli esami specifici (Esami emocromocitometrico, Esami di elettroforesi dell’emoglobina e dosaggio di emoglobina A2, Sideremia) per poter prevenire il problema. La talassemia, va ricordato, comunque non impedisce una vita normale, ma obbliga a continue trasfusioni di sangue che sono necessarie per poter sopperire alla inadeguatezza dei globuli rossi che si hanno nell’organismo Alla firma del protocollo era presente anche il consigliere comunale, Emidio Albani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche